Auto ecologiche - ultimi articoli


Honda CR-Z Hybrid Coupè, foto del modello definitivo

La Honda CR-Z Hybrid Coupè dovrebbe essere commercializzata a partire dal prossimo mese di febbraio in Giappone, mentre occorrerà aspettare qualche mese in più per vederla sulle strade americane ed europee.Si tratta di una vettura ibrida dalle caratteristiche decisamente sportive, e questo la rende sicuramente interessante. Le prestazioni dichiarate ufficialmente sono a dire la verità poco eccitanti, con 114 CV erogati dal motore quattro cilindri a benzina da 1.5 litri, oltre ai 14 CV aggiuntivi offerti dal motore elettrico.

 

Audi Q5 ibrida, arriverà nel 2010

Sarà presentata alla fine del 2010 la versione ibrida dell'Audi Q5, anche se per adesso non sono trapelati dettagli tecnici sulla motorizzazione nè sulle prestazioni in fatto di consumo di carburante. La nuova Audi Q5 ibrida, a differenza delle altre vetture simili presenti sul mercato, potrebbe anche utilizzare un motore turbodiesel abbinato ad uno elettrico, visto che la casa tedesca ha investito parecchio nello sviluppo di motori a gasolio puliti e con bassi consumi.Usare un moderno motore turbodiesel in un'auto ibrida sembra del resto la scelta più logica, visti i consumi ottenibili mediamente molto inferiori a quelli dei motori a benzina di pari potenza.

 

Auto elettriche in inverno (ma anche in estate)

Prendo spunto da un interessante posto su Autoblog.com, relativo ai problemi di uno dei posssessori della nuova Mini E, per discutere un altro dei possibili problemi relativi alle auto elettriche. La Mini E è la versione elettrica della popolare citycar tedesca, che negli USA è stata offerta in leasing ad un ristretto numero di enti e società per effettuare un'ampia sperimentazione prima della commercializzazione vera e propria.Sembra infatti che l'autonomia concessa dalla batteria della Mini E, con il calo delle temperature visto il periodo invernale, cali così drasticamente da rendere difficile anche il normale tragitto casa-lavoro con una singola ricarica.

 

Auto elettriche e garage

Da anni sentiamo ripetere che l'auto elettrica, per uscire dal suo mercato di nicchia (o meglio, diciamo noi, per arrivare finalmente sul mercato visto che per adesso di modelli in vendita non sembrano essercene, a parte vetture esotiche come la Tesla) dovrà raggiungere un'ampia diffusione.Ora, chi ci legge sa che siamo da sempre scettici sull'attuale tecnologia ibrida, che non ha ancora dimostrato di essere significativamente migliore dei moderni motori turbodiesel in quanto a riduzione dei consumi, al prezzo però di una notevole complicazione tecnologica e del "bagaglio" dalla dubbia ecologicità del pacco batterie aggiuntivo.

 

L'inganno delle auto ibride

Personalmente ho sempre osservato con sospetto l'arrivo sul mercato dei primi modelli di auto ibride, sospettando più una mossa ideata dagli uffici marketing delle case piuttosto che un reale tentativo di produrre vetture capaci di percorrere più chilometri possibile con un litro di benzina.Del resto è difficile capire come un grosso SUV da due tonnellate, pur dotato di un motorino elettrico aggiuntivo e di un pacco batterie, possa essere considerato un'auto ecologica. Anche la Toyota Prius, eletta a simbolo delle vetture "verdi" dagli ecologisti di tutto il mondo (e sfoggiata da tutti i divi del cinema americano, che la usano per recarsi all'aeroporto da dove prendono il jet privato.

 

Gli italiani vogliono guidare elettrico con smart ed Enel

Ad una sola settimana dal lancio di www.e-mobilityitaly.it , sono già 750 gli italiani che si sono candidati a diventare i primi clienti del progetto smart-Enel: 100 electric drivers che a Roma Pisa e Milano faranno il pieno di elettricità alle loro smart presso le 400 nuove infrastrutture di ricarica intelligenti realizzate da Enel. Inoltre, gli oltre 8.600 visitatori del sito dimostrano una diffusa sensibilità ambientale e spirito innovativo. www.e-mobilityitaly.it, lanciato lo scorso 24 novembre, è il sito web dedicato attraverso il quale ha preso il via ufficialmente la campagna di selezione dei primi 100 automobilisti che viaggeranno in elettrico a partire dal prossimo anno, nell’ambito dell’omonimo progetto lanciato da smart ed Enel a dicembre 2008.

 

CitroŽn C-Zero: una soluzione 100 % elettrica

Zero litri di benzina, zero emissioni di CO2, zero rumorosità! Con C-ZERO, CITROËN arricchisce la propria offerta sul segmento delle vetture compatte con una soluzione 100 % elettrica. Una nuova city car studiata per gli spostamenti urbani: piccole dimensioni, ricarica veloce e autonomia sufficiente a coprire tutti i tragitti quotidiani, in un silenzio che fa dimenticare il rumore della città. Un vero e proprio concentrato di tecnologia e creatività, per vincere ora le sfide di domani! Con più di 5 500 veicoli elettrici già prodotti, CITROËN dispone di un’esperienza unica, e avrà un ruolo da protagonista in un mercato destinato a crescere enormemente negli anni a venire.

 

Piaggio Calessino: il passato rivive nel rispetto dell'ambiente

Quando in contemporanea al lancio del nuovo Porter Maxxi, abbiamo visto questo veicolo, ci siamo accorti che il Calessino è non solo bello, ma anche interessante tecnicamente, poiché usa in parte una tecnologia propulsiva che, se darà i riscontri positivi attesi, verrà implementata per i tutti futuri veicoli Piaggio elettrici (in questo dobbiamo dire che il vedere investire su orizzonti non di breve termine, fa capire come la casa italiana sia ottimista sul futuro).

 

CitroŽn REVOLTe : Lussuosa, impertinente ed ecologica!

Citroën, Marca all’insegna dell’audacia e del progresso, mostra ancora una volta il proprio carattere con il concept car REVOLTe, piccola city car ultra chic che si regala il lusso di essere impertinente. REVOLTe, city car compatta, elude abilmente le insidie del traffico urbano, esaltando la visione tradizionalmente riservata alle vetture di piccole dimensioni. Audace e chic, sposa il concetto del lusso impertinente, della tecnologia con glamour e del dinamismo pieno di vivacità.

 

La Bmw ActiveHybrid X6

La tecnologia BMW ActiveHybrid mette a disposizione una dinamica di guida superiore e una tecnologia innovativa d’incremento dell’efficienza. Nella BMW ActiveHybrid X6 entrambe le caratteristiche regalano un’esperienza di guida mai raggiunta in passato. La prima Sports Activity Coupé del mondo con propulsione full-hybrid sfrutta i pregi offerti dalla combinazione di motore a combustione interna ed elettromotore in modo finora mai realizzato. La tecnologia BMW ActiveHybrid produce un netto aumento della dinamica di guida, riducendo contemporaneamente il consumo di carburante del 20 percento circa rispetto a una vettura comparabile equipaggiata con propulsore a combustione interna.

 

Toyota pensa ad una Yaris ibrida

Dopo che l'ultima generazione della Toyota Prius si sta rivelando un successo commerciale un po' in tutti i mercati, sembra che Toyota sia intenzionata a realizzare una versione ibrida della più piccola Yaris.La cosa avrebbe un senso, visto che il vantaggio principale delle auto ibride sta proprio nella guida cittadina, terreno dove la yaris è sicuramente ben a suo agio. Si tratterebbe ovviamente di un'auto più economica della Prius, dal costo probabilmente molto inferiore anche a quello della honda Insight, mentre il consumo medio dovrebbe essere del 5-6% inferiore a quello della Prius.

 

La Bmw ActiveHybrid 7

BMW presenta la forma più raffinata e lussuosa per vivere la tecnologia ibrida in un’automobile: la BMW ActiveHybrid 7. L’ammiraglia costruita sulla base della BMW Serie 7 definisce dei parametri di riferimento nuovi di efficienza nella categoria di lusso. La BMW ActiveHybrid 7 è la prima automobile del mondo nella quale un motore a benzina V8 è stato combinato con un cambio automatico a otto rapporti e un elettromotore nell’ambito di un concetto mild-hybrid.

 

BMW ActiveHybrid Serie 7, questa però ha le batterie al litio

Curiosa scelta quella fatta da BMW per le sue vetture ibride: la ActiveHybrid X6 utilizza batterie NiMH (nichel-metallo idruro), mentre la "sorella" ActiveHybrid Serie 7 monta ben più performanti accumulatori aglio ioni di litio.La soluzione di impiegare batterie di tipo diverso deriva probabilmente dal fatto che la BMW ActiveHybrd Serie 7 utilizza un singolo motore elettrico a bassa potenza, al posto dei due di potenza ben maggiore impiegati dalla X6. Insomma, utilizzare batterie agli ioni di litio sulla X6 sarebbe probabilmente costato troppo, ma la scelta rimane comunque difficile da capire quando si parla di vetture dal costo non certo popolare.

 

Ecco la BMW ActiveHybrid X6

La BMW ActiveHybrid X6 si presenta sul mercato automobilistico come la più potente vettura ibrida mai prodotta. Grazie ad una potenza massima di 480 CV, la BMW X6 - anche in versione ibrida - non tralascia quindi la sua immagine sportiva, che si traduce in prestazioni davvero notevoli: 5,4 secondi per accelerare da 0 a 100 km/h, grazie alla potenza combinata del motore V8 da 4.4 litri biturbo e dei due motori elettrici da 91 e 86 CV.Il tutto con un consumo inferiore di circa il 20% rispetto alla "normale" BMW X6 V8, anche se dubitiamo che sarà il risparmio di carburante a far propendere per lacquisto di questa ActiveHybrid X6.

 

Quattro nuove Land Rover per il Comune di Milano

Land Rover ha fornito in comodato gratuito 4 Freelander Stop/Start all’Assessorato Mobilità, Trasporti e Ambiente di Milano per garantire spostamenti e utilizzi ecocompatibili nel capoluogo lombardo, considerata la grande versatilità della vettura e l’elevata capacità urbana del modello Freelander: la tecnologia Stop/Start, infatti, unitamente al Filtro Antiparticolato, consente di limitare le emissioni di gas nocivi, anche in situazione di traffico congestionato.

 

Mazda RX-8 Hydrogen RE

Il motore rotativo RENESIS – vincitore di quattro premi “Motore Internazionale dell’Anno” nel 2003 e nel 2004 e rinomato per i suoi alti livelli di divertimento alla guida – viene utilizzato da Mazda come base per lo sviluppo del motore a idrogeno. Al Salone dell’Automobile di Tokyo dell’ottobre 2003, Mazda ha presentato il primo prototipo del motore a idrogeno RENESIS che, anche allora, era dotato di un doppio sistema di alimentazione che gli consentiva di girare altrettanto bene sia a idrogeno che a benzina.

 

Anche Mazda si converte alla moda delle auto ibride

Fino allo scorso aprile, la posizione di Mazda sulle auto ibride era chiara: si tratta di una tecnologia che non ci interessa, era la voce che arrivava dal Giappone.Evidentemente però il notevole successo ottenuto, soprattutto sul mercato locale, dalla nuova Toyota Prius, ha convinto i dirigenti Mazda a fare una decisa inversione di rotta, ed allo scorso Auto Show di New York fu proprio il presidente della casa ad annunciare che Mazda avrebbe prodotto auto ibrideAdesso, in occasione della presentazione ufficiale della Mazda Axela 2010 (la versione giapponese della Mazda3), il vice presidente della compagnia ha annunciato alcuni dettagli sul progetto di Mazda per una nuova serie di auto ibride.

 

Volkswagen Golf Plus BiFuel, a partire da 22.460 Euro

Arriva sul mercato la nuova Volkswagen Golf Plus BiFuel, che in Germania avrà un prezzo per la versione entry-level di 22.460 Euro.Si tratta del modello della Golf Plus dotato di alimentazione anche a GPL, un crossover compatto che può utilizzare indifferentemente sia il gas liquido che la benzina.  Il passaggio da GPL a benzina o viceversa avviene con un semplice interruttore sul cruscotto, ed il motore da 1.6 litri e 98 CV riesce a percorrere circa 10 km con un litro di GPL (9,8 litri per 100 km).

 

Nasce Peugeot 3008, il primo Crossover ad alta efficacia ambientale

Lanciata sul mercato in questi giorni, la nuova Peugeot 3008 ha posto alla base del suo progetto l’attenzione verso i consumi e le emissioni.L’aerodinamica è stata particolarmente curata (Cx di solo 0,296, tra i migliori del segmento), sono state adottate soluzioni per limitare il peso (materiali leggeri, saldatura laser…) e sulla maggioranza delle versioni sono montati pneumatici Michelin che riducono la resistenza al rotolamento di circa il 20%, consentono di diminuire la quantità di energia che serve a far viaggiare il veicolo e permettono di economizzare circa 0,2 litri di carburante ogni 100 km nel ciclo misto, con una riduzione delle emissioni di CO2 di più di 4 g/km (rispetto ai pneumatici convenzionali delle medesime dimensioni).

 

Volvo V70 ibrida plug-in dal 2012

Volvo punta sulle auto ibride. La casa svedese ha rivelato i progetti per i prossimi anni, che comprendono la messa sul mercato di vetture ibride plug-in dotate di motore diesel. Si potrebbe trattare di una svolta importante nel settore delle auto ibride, che potrebbe portare a consumi sostanzialmente ridotti rispetto agli attuali ibridi con motori a benzina.La tecnologia plug-in è quella che consente di ricaricare semplicemente e velocemente le batterie dell'auto con una normale presa elettrica, permettendo così una maggiore autonomia senza utilizzare il motore a combustione, motore che comunque dovrebbe offrire di per sè un consumo notevolmente inferiore rispetto ad analoghi modelli già sul mercato.

 

Cresce la domanda per la nuova Toyota Prius

Nonostante il nostro scetticismo, l'accoglienza del pubblico per la nuova Toyota Prius sembra così elevata che la casa giapponese ha addirittura dovuto incrementare la produzione per star dietro alle richieste dei clienti.In un periodo delicato per la casa giapponese, che ha visto i bilanci in perdita per la prima volta nella sua storia, e con vendite in negativo per ogni modello, la Prius spicca in felice controtendenza, con ben 80.000 ordini già chiusi dai vari concessionari, anche se alcune voci parlano addirittura di oltre 100.

 

Ferrari pensa ad un'ibrida 4x4

Secondo quanto pubblicato dalla rivista inglese Autocar, Ferrari avrebbe brevettato un sistema ibrido a trazione integrale applicabile a tutta la gamma di vetture del cavallino.La soluzione appare ingegnosa, almeno in teoria, perchè permette di ottenere due risultati estremamente importanti: una maggiore tenuta di strada grazie alla trazione a quattro ruote motrici, ed una maggiore potenza complessiva ottenuta sommando le prestazioni del motore a scoppio a quelle del motore elettrico. Il motore a scoppio rimarrebbe nella normale posizione centrale o posteriore, ed ovviamente rimarrebbe collegato alle ruote posteriori della vettura, mentre il motore elettrico alimenterebbe le ruote anteriori.

 

Brusa Spyder, la Svizzera propone la sua sportiva elettrica

Quando si pensa ad un'auto sportiva elettrica viene subito in mente il marchio Tesla, grazie anche all'abbondante pubblicità fatta alla spider californiana negli ultimi due anni da vari personaggi famosi americani, a partire dal governatore della California Arnold Schwarzenegger.Dalla Svizzera però arriva una proposta forse ancora più interessante, più precisamente dai ragazzi della Brusa. Il paese del formaggio e del cioccolato (oltre che delle banche) ha una grande tradizione per quello che riguarda l'innovazione nell'industria motoristica, e tutt'ora sono diverse le aziende ad alta tecnologia, i team sportivi o i tuner che risiedono in quelle valli.

 

Il futuro dell'auto elettrica? Per VW è in Cina

L'industria automobilistica cinese sembra particolarmente attiva su due fronti: la copia a volte spudorata dei modelli occidentali e la produzione di auto ibride ed elettriche.Non è un caso quindi che Volkswagen stia guardando ad oriente per cercare una partnership tecnologica per questo tipo di tecnologia, più precisamente alla BYD Auto, tristemente nota per i suoi modelli liberamente ispirati a vetture esistenti grazie alla mancanza di leggi sul copyright nel paese del dragone.La partnership riguarda lo sviluppo di auto ibride e di auto elettriche basate su batterie agli ioni di litio, quelle che promettono di offrire a brevissimo la capacità e la potenza necessaria per ottenere prestazioni ed autonomia accettabili.

 

BMW Isetta, sarà un'auto ecologica

Sembra proseguire lo sviluppo del gruppo BMW in tutti i segmenti del mercato dell'automobile. Una nuova collaborazione fra il costruttore tedesco e l'università inglese di Bath, pensato per lo sviluppo di micro vetture cittadine a tre e quattro tuote, sembra suggerire la rinascita del marchio Isetta.La nuova Isetta dovrebbe essere una vettura pensata specificatamente per il traffico cittadino, e puntare decisamente al mercato fino ad ora appannaggio praticamente della sola Smart. Anche nel caso della Isetta si farà ricorso a piccoli motori a benzina e diesel, con la possibilità di una versione completamente elettrica basata sugli sviluppi della tecnologia attualmente in fase di sperimentazione con la Mini e.

 

Volkswagen, l'auto elettrica arriva a Francoforte

Al prossimo Salone di Francoforte Volkswagen dovrebbe presentare al sua prima vettura completamente elettrica, basata probabilmente sul lavoro fatto per lo sviluppo della concept car up! (nella foto).L'auto elettrica Volkswagen non sembra poter essere ancora ad un livello di sviluppo sufficiente per la commercializzazione, stando alle voci riportate anche dalla rivista AutoExpress, ma sembra che il progetto sia sufficientemente avanzato da far pensare ad un arrivo sul mercato entro un paio d'anni.

 

Audi introduce il sistema start-stop

D'accordo, non è certo una novità assoluta: il sistema start-stop, che spenge il motore durante le soste e lo riavvia automaticamente appena si preme il pedale dell'acceleratore esiste oramai da parecchio tempo, visto che era già stato adottato dalla Volkswagen Polo Formel e nel 1983. Allora si chiamava SSA, e dopo oltre 25 anni arriva anche nelle vetture Audi.Il sistema start-stop fa parte di un pacchetto di accorgimenti tecnici che dovrebbero ridurre il consumo medio di carburante delle automobili Audi del 20% entro il 2012 (il 20% in meno di quanto consumavano nel 2007, a dire la verità).

 

Renault Kangoo be bop Z.E., progetto franco-giapponese

La Renault Kangoo be bop Z.E. (dove Z.E. sta per Zero Emission) è una vettura elettrica che è stata appena presentata ad una riunione degli azionisti del gruppo francese, svoltasi a Parigi.Derivata dalla normale Kangoo in produzione di serie, la Renault Kangoo be bop Z.E. è una vettura laboratorio basata su una tecnologia che dovrebbe essere molto simile a quella che la casa francese impiegherà nella futura produzione di veicoli elettrici, attualmente in fase di sviluppo.

 

Citroen DS5 ibrida, sogno francese

Il gruppo PSA sembra deciso a fare il suo passo nel settore delle auto ibride, presentando il prossimo anno la nuova Citroen DS5. La Citroen DS5 sarà una belina di fascia medio-alta a motorizzazione ibrida, dotata di trasmissione integrale a quattro ruote motrici, e verrà commercializzata probabilmente a partire dal 2011. Il motore diesel della DS5 sarà abbinato ad un motore elettrico alimentato da batterie, anche se per adesso non si conoscono i dettagli tecnici, a parte una dichiarazione ufficiale che parla di riduzione delle emissioni di CO2 del 35% e di un significativo risparmio di carburante.

 

Mercedes Classe M, GL ed R in versione BlueTEC

A partire dal prossimo autunno, Mercedes commercializzerà le versioni BlueTEC della Classe M, GL ed R.Basate sul nuovo motore V6 da 3.0 litri diesel dalle emissioni ridodde, le Mercedes GL 350 BlueTEC, ML 350 BlueTEC e R350 BlueTEC dispongono di una potenza di 211 CV a 3.000 giri al minuto, con una coppia di ben 540 Nm nell'arco compreso fra 1.600 e 3.400 giri al minuto.La tecnologia BlueTEC di Mercedes comprende un sistema per l'iniezione di una soluzione a base di acqua e urea nei gas di scarico, che produce ammoniaca poi convertita nel catalizzatore.

 

Audi A4 TDI "e", oltre 20 km con un litro

Il gruppo Volkswagen sembra determinato ad ottimizzare i propri motori per ridurre consumi di carburante ed emissioni inquinanti, e la nuova Audi A4 TDI "e" prosegue in questa direzione.Si tratta di una versione particolarmente frugale della nota berlina tedesca, equipaggiata con il motore da 2.0 litri tubodiesel da 136 CV, rivisto per l'occasione con una nuova ECU, dotato anche di un sistema di recupero dell'energia in frenata che converte l'energia cinetica in energia elettrica, utilizzata per ricaricare la batteria.

 

La prima Mazda RX-8 Hydrogen per la Norvegia

Mazda ha prodotto la prima RX-8 Hydrogen progettata appositamente per partecipaere all'HyNor, il progetto Norvegese che riguarda le auto ad idrogeno.La Mazda RX-8 Hydrogen presenzierà alla cerimonia di apertura della prima stazione di rifornimento per l'idrogeno nel paese scandinavo, che si terrà ad Oslo il prossimo 11 maggio.La vettura giapponese sarà utilizzata per verificare gli standard locali per le future auto ed idrogeno e per la formazione dello staff addetto alla manutenzione.

 

Buick Business Hybrid Concept, anteprima a Shanghai

A sorpresa, General Motors ha presentato a Shanghai la Buick Business Hybrid Concept, una vettura completamente nuova che riporta in auge un marchio tenuto sottotono negli ultimi anni.La Buick Business Hybrid Concept è un'auto sviluppata in Cina, nella sede del Pan Asia Technical Automotive Center, società del gruppo GM. Si tratta di un concept in forma di minivan, di dimensioni importanti, capace di ospitare sei passeggeri in tre file di due poltroncine ciascuna.Le dimensioni di 528 cm di lunghezza con un'interasse di 320 cm, e lo stile utilizzato ricorda quello delle Buick LaCrosse e Riviera Concept presentate due anni fa proprio a Shanghai.

 

Peugeot RD Concept al Motor Show di Shanghai

Al Motor Show di Beijing dello scorso anno, Peugeot aveva pubblicizzato un concorso per aspiranti designer automobilistici, avente per tema "Le Peugeot nelle megalopoli del futuro".La partecipazione è stata decisamente soddisfacente per la casa francese, con oltre 2.500 progetti provenienti da ogni parte del mondo.Ad essere esposto a Shanghai è stato il prototipo della vettura disegnata da Carlos Arturo Torres Tovar, ventisettenne colombiano, che ha visto così trasformarsi il sui progetto in realtà, o perlomeno in un manichino in legno a dimensione naturale.

 

Dodge Caliber Hybrid by FEV, oltre 45 km con un litro

Un Dodge Caliber ibrido capace di percorrere oltre 45 km con un litro di benzina. Questi sarebbero numeri interessanti, soprattutto comparati con quelli delle attuali vetture ibride sul mercato.E' la promessa di Raser Technologies, che lo scorso anno aveva annunciato la progettazione di un nuovo sistema ibrido, pensato specificatamente per i grossi furgoni e veicoli commerciali insieme alla tedesca FEV. Quest'anno la casa americana ha consegnato i primi due veicoli per i test su strada alla compagnia Pacific Gas and Electric, e le premesse sono decisamente interessanti.

 

Mercedes ML 450 Hybrid, l'ibrido alla tedesca

La presentazione della nuova Mercedes ML 450 Hybrid è stata una piacevole sorpresa. Non siamo mai stati troppo entusiasti delle SUV ibride, spesso giocattoloni capaci a malapena di percorrere 10 km con un litro di benzina. Ma quando a progettare una vettura ibrida è una casa europea, è lecito attendersi qualcosa di più sofisticato di quanto visto fino ad ora.La Mercedes ML 450 Hybrid rappresenta un passo importante per la casa di Stoccarda, attenta a mantenere il ruolo di leadership sul mercato americano.

 

Hyundai Nuvis concept all'Auto Show di New York

Hyundai ha presentato all'Auto Show di New York la nuova Nuvis, una concept car che dovrebbe anticipare le soluzioni stilistiche e concettuali che vedremo poi proposte sulle prossime versioni della Tucson e della Santa Fe.La Hyundai Nuvis  incentrata sulle ampie portiere ad apertura ad ali di gabbiano, una soluzione che difficilmente potremo vedere su un veicolo in grande produzione di serie però.La motorizazione della Nuvis è affidata al noto motore BlueHybrid, presentato lo scorso novembre all'Auto Show di Los Angeles.

 

Obbligatorio per legge in California controllare la pressione delle gomme

Sulle prime pensavamo ad uno scherzo d'aprile. Intendiamoci, controllare la pressione degli pneumatici è una buona norma, che migliora la sicurezza di guida e contribuisce a ridurre i consumi di carburante.Ma obbligare tutte le attività che si occupano di manutenzione delle auto a farlo obbligatoriamente per legge ogni volta, con ovviamente un costo per il cliente, sembra una di quelle sparate all'americana che ci fanno dubitare dell'intelligenza dei politici californiani.E' vero, mantenere corretta la pressione diminuisce i consumi, ma sarebbe forse più sempplice impedire ai californiani di comprare enormi SUV che percorrono 5 km con un litro di benzina (7 se ibridi).

 

Tesla Model S, eccola prima vera berlina elettrica

E' stata presentata ufficialmente la Tesla Model S, la prima vera e propria berlina elettrica del costruttore americano, noto fino ad ora per l'altra sua auto elettica, la Roadster.La Tesla Model S è stata svelata in California, alla presenza del governatore dello stato americano Arnold Schwarzenegger.L'estetica della Tesla Model S è sicuramente piacevole e sportiva, con richiami alla Maserati Quattroporte. Ma le sue doti migliori sono nascoste sotto al cofano, sotto forma di un motore elettrico che ed un pacco batterie che consente un'autonomia di 480 km.

 

Hyundai Blue-Will concept al Motor Show di Seoul

Hyundai presenterà la Blue-Will concept al prossimo Motor Show di Seoul. Si tratta di una vettura ibrida che utilizza un motore ad iniezione diretta da 1.6 litri, abbinato ad un cambio automatico di tipo CVT e ad un motore elettrico da 100 kW.L'alimentazione del motore elettrico è fornita da un pacco batterie di tipo litio-ione-polimero, posizionato sotto ai sedili posteriori insieme al serbatoio del carburante.Hyundai sarà dunque il primo produttore automobilistico al mondo ad utilizzare questa tecnologia per le batterie di una vettura, quando la Elantra LPI Hybrid sarà messa in vendita in Korea a partire dal prossimo giugno.

 


Prec. Prec.Pag. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10Succ. Succ.