Il nuovo autodromo di Modena si presenta in anteprima a Motorsport Expotech

Un nuova pista prove, un centro di guida sicura che si propone come uno dei più avanzati circuiti di test in Europa, con tecnologie d'avanguardia in grado di simulare condizioni di guida anche estreme. E’ il nuovo autodromo di Modena: il progetto, di cui si parla da anni, verrà presentato domani giovedì 16 ottobre alle 13.30, in occasione del networking event promosso da Vintage e da Mia (Motorsport Industry Association).

Un segnale importante dalla città emiliana che, come patria dell'auto sportiva, metterà a disposizione un complesso di piste tecniche secondo il modello europeo, che daranno la possibilità agli utenti di sperimentare e controllare situazioni di emergenza in sicurezza, con velocità che potranno variare dai 35 ai 50 km orari.
In Italia esistono solo altre quattro piste di questo genere, e quella di Modena sarà la prima in assoluto in regione.

Il progetto del nuovo circuito riserva un’attenzione particolare ai sistemi di guida ecologica volti al risparmio energetico, con corsi di guida che insegnano a pilotare un mezzo arrivando a consumare fino al 15% in meno.

Il progetto prevede una vasta area con un circuito esterno di una larghezza costante di 12 metri, che aumenterà fino a 15 nel rettilineo dei box e sarà completamente dedicata al centro di guida sicura, in cui si potranno tenere corsi per neo-patentati, corsi di recupero per riacquistare i punti della patente persi e in cui ci si potrà impratichire per prendere la patente per i mezzi pesanti.

Il nuovo autodromo, grazie anche alla collaborazione di privati, enti pubblici e università intende diventare “Istituto superiore di sicurezza stradale”, proponendo un nuovo standard di sicurezza stradale, un modello di riferimento per la realizzazione di impianti simili in Italia e all’estero.

Ci saranno poi 4/5 piste speciali all’interno, per prove e test di diversa natura, che riassumeranno in un unico percorso stradale di 1.600 km le varie situazioni di guida: la pista prove e il centro di guida sicura avranno infatti tutta la tecnologia più moderna per realizzare o simulare qualunque condizione di guida per moto, auto, camion e bus.

Il nuovo circuito non fornirà solo un supporto alle aziende che operano nel settore motoristico modenese, sarà realizzato in modo da costituire un piacevole luogo di ritrovo, con ampi spazi pubblici, locali commerciali, una pista under 14, dove anche i ragazzi si potranno accostare con coscienza alla velocità, un edificio con sale conferenze e riunioni, una struttura ricettiva con albergo a 4 stelle e ristorante e un museo dell’automobile.

“Modena - afferma Livio Grassi di Vintage, la società che si sta occupando della realizzazione del progetto - è famosa in tutto il mondo per le sue peculiarità motoristiche e la nuova pista, insieme al museo dell’automobile e a quello della casa natale di Enzo Ferrari, daranno alla città quella marcia in più in grado di renderla la capitale dei motori”. “I lavori sono già cominciati - conclude Franco Neri, presidente di Vintage, con la licenza edilizia in mano ricevuta da pochi giorni - l’autodromo sarà pronto nei tempi previsti. E Modena sarà davvero un polo di riferimento per tutti gli appassionati di auto e moto”.

comments powered by Disqus

Articoli precedenti su DueMotori.com

Voices of Monterey: the GT2 Class

Voices of Monterey: the GT2 Class
in Le Mans Series