Terzo e quinto posto per Giacomo Piccini e Ferdinando Geri

Un terzo posto in gara 1 e un quinto in gara 2: è cominciato in maniera non certo scoppiettante ma nemmeno negativa l’italiano 2009 Gt3 per il campione in carica Giacomo Piccini al volante sempre della Lamborghini Gallardo. Sul circuito “Piero Taruffi” di Vallelunga, che lo aveva visto conquistare l’ultimo tricolore della serie lo scorso 19 ottobre, il 24enne pilota di Sansepolcro è tornato a distanza di mesi con il nuovo compagno di vettura nella scuderia Mik Corse, il romano Ferdinando Geri, “gentleman” in crescita di rendimento all’inizio di una stagione che si preannuncia particolarmente combattuta perchè le case automobilistiche si sono tutte attrezzate a dovere.

La partenza di Giacomo Piccini, autore nelle qualificazioni del quarto tempo, è stata eccellente, così come il prosieguo di Geri nell’arco dei 48 minuti più un giro previsti, se non altro per tenere testa alle Audi e alle Ferrari; tuttavia, l’ingresso della “safety car” nel finale ha di fatto riallineato le auto in gara e in quel frangente è stato abile Matteo Grassotto, compagno “tricolore” di Giacomo Piccini nel 2008, a superare Geri e a strappargli la piazza d’onore.

Vittoria ad appannaggio della Ferrari 430 di Stefano Livio e Lorenzo Bontempelli, davanti alla Lamborghini di Matteo Grassotto e Adriano Baso e a quella di Piccini e Geri. Livio e Bontempelli realizzeranno l’en plein nel pomeriggio, tagliando per primi il traguardo in una gara 2 iniziata sotto una cattiva stella per Ferdinando Geri, che montava gomme “sleak” e che, con la pioggia iniziata a cadere fin da subito, si è girato per ben due volte in poco tempo. Hanno avuto ragione coloro che sono partiti con le “rain”, mentre Geri si è dovuto fermare per operare il cambio di pneumatici e la rimonta con giri veloci a ripetizione di Giacomo Piccini nella seconda parte della gara è servita soltanto per difendere il quinto posto.

In questo frangente è tornato a ruggire un “leone” chiamato Dindo Capello, che assieme a Giorgio Sanna ha condotto l’Audi R8 Lms a un brillante secondo posto. Per Giacomo Piccini e Ferdinando Geri il bilancio totale è di 17 punti incamerati, 13 in meno di Livio e Bontempelli, che guidano a punteggio pieno. “Considerando le varie vicissitudini, dalla “safety car” alle gomme – commenta Giacomo Piccini – possiamo dire che non è andata male. Ci sono motivi oggettivi per essere ottimisti: la Gallardo è sempre competitiva nelle prestazioni e ho visto un Geri in evidente progresso; questo secondo fattore può diventare un’arma in più, anche se dovremo lavorare molto e i tempi stringono”. Già domenica prossima si torna in pista per il secondo appuntamento dell’italiano Gt3, che si consumerà nel vicino autodromo dell’Umbria di Magione.

comments powered by Disqus

Articoli più letti