GP del Giappone, Scuderia Ferrari: Raikkonen 'Una nuova pista, una nuova sfida'

Kimi Raikkonen è arrivato a Tokyo questa mattina, pronto per affrontare il Gran Premio del Giappone, terzultima gara della stagione, che torna a disputarsi dopo trent'anni sul circuito del Fuji, recentemente rinnovato.

"Onestamente ho visto il circuito soltanto sui giornali: ho letto che la nostra macchina non si adatterebbe nella maniera migliore al tracciato ma so che la squadra ha lavorato duramente per essere competitivi anche in questo fine settimana" - ha detto Kimi. "So che diversi piloti si sono preparati per questa gara usando i simulatori ma, ad essere sinceri, non è una cosa che fa per me: non ho mai giocato con la Playstation né usato i simulatori intensivamente e non è che la mia prestazione ne sia stata penalizzata! Affronterò questa corsa come ho fatto con quelle che l'hanno preceduta, vale a dire con l'obiettivo di vincere: del resto, siamo gli inseguitori e non possiamo avere altro risultato su cui puntare.



Sin da quando ero più giovane sono sempre stato in grado di conoscere una nuova pista molto in fretta e questa caratteristica non è mutata da quando sono in Formula 1: con le tre ore di prove libere del venerdì e quella del sabato mattina credo che non ci saranno problemi per le qualifiche. Mi è sempre piaciuto andare alla scoperta di un nuovo tracciato, mi dà sempre delle belle sensazioni: è bello fare una passeggiata lungo la pista il giovedì per conoscere curva dopo curva. Difficile oggi dire chi avrà un vantaggio: sappiamo che la McLaren sarà molto forte ma anche loro sanno che noi lo saremo altrettanto.

Cercheremo di andare avanti sull'onda della doppietta di Spa-Francorchamps: il duo McLaren è ancora in testa con un buon margine e non vuole certo perderlo con uno stupido errore: io non ho nulla da perdere, sono loro che devono essere più prudenti."

Una volta arrivata l'ufficialità, Kimi ha voluto celebrare il quindicesimo titolo Costruttori conquistato dalla Ferrari: "Sono molto felice per la squadra e sono contento di aver contribuito al raggiungimento di questo titolo: è una bella ricompensa per tutto il lavoro che la squadra ha fatto durante la stagione. Mi sono preso una piccola pausa dopo il Gran Premio del Belgio: ora il mio collo è perfettamente a posto e posso fare tutti i movimenti senza problemi.

Ho giocato un po' a hockey su ghiaccio con i miei amici per tenermi in forma, anche dal punto di vista agonistico. Sarà la mia settima gara in Giappone: ho vinto a Suzuka due anni fa e lì ho ottenuto anche altri buoni risultati. I tifosi giapponesi sono fra i più caldi che abbia mai visto in Formula 1 e sarà bello vederli sostenere la Ferrari, come avevo visto in passato dal numero di bandiere del Cavallino Rampante che erano sulle tribune."

comments powered by Disqus

Articoli più letti

Articoli precedenti su DueMotori.com

BMW 535d Touring Eccelsa (2005)

BMW 535d Touring Eccelsa (2005)
in Test e prove su strada

Distanziali per ruota in magnesio by Simoni Racing

Distanziali per ruota in magnesio by Simoni Racing
in Assetti e sospensioni

Swiss Racing Team: Pneuentscheidung mit Risiko

Swiss Racing Team: Pneuentscheidung mit Risiko
in Motorsport