Ferrari e Red Bull lasciano la FOTA

di Elisa Goldoni

Ferrari e Red Bull lasciano la FOTA

Il mondo della Formula 1 si è diviso: ieri Ferrari e Red Bull hanno dichiarato il loro divorzio dalla Fota (Formula One Teams Association), l'associazione dei team che partecipano al mondiale.

 
Nel comunicato Ferrari si legge che "è stata una decisione difficile e meditata a lungo, presa a malincuore dopo aver analizzato l’attuale situazione di stallo su alcuni degli argomenti che furono alla base della nascita dell’associazione, di cui la Ferrari stessa, attraverso Luca di Montezemolo, fu ideatrice e promotrice: non fu certo un caso che lo stesso Presidente della casa di Maranello abbia ricoperto l’analoga carica nella FOTA fino al termine del 2009.

Alcuni dei maggiori successi ottenuti in questi anni dall’associazione delle squadre, anche in collaborazione con la FIA, sono stati ottenuti in termini di riduzione dei costi, il che ha portato significativi benefici per tutti, grandi e piccoli team. La Ferrari è stata in prima fila su questo fronte ancor prima della nascita della FOTA e intende rimanerci per assicurare la sostenibilità dello sport a lungo termine. Ora però si rende necessario imprimere una nuova accelerazione perché la spinta propulsiva della FOTA si è ormai esaurita, nonostante il lavoro svolto dall’attuale Presidente, Martin Whitmarsh, sia stato eccellente, sempre rivolto a trovare un punto di accordo fra le diverse posizioni in modo da raggiungere il bene comune".

 
Nonostante questa dichiarazione la Ferrari si impegna a continuare la ricerca per la riduzione dei costi e a cercare di reintrodurre giorni di test durante l'anno sia per dare un'opportunità ai giovani piloti, sia per dare ulteriori occasioni al pubblico di poter vedere da vicino il mondo della Formula 1.La Red Bull ha sinteticamente dichiarato che ha deciso di abbandonare la FOTA e che continuerà a collaborare con gli altri team per ridurre i costi.

comments powered by Disqus

Articoli più letti