GP Russia F1 2015, Sochi: Rosberg in pole dopo qualifiche perturbate

di redazione Italia DueMotori.com

GP Russia F1 2015, Sochi: Rosberg in pole dopo qualifiche perturbate

Nico Rosberg ha conquistato la pole per il Gran Premio di Russia con i P Zero Red supersoft, con i quali ha eclissato la pole dello scorso anno (ottenuta con gomme morbide) già nella Q2. Questo nonostante i piloti abbiano girato molto poco durante le prove. La pista di Sochi è abbastanza liscia e offre poco grip; inoltre, la gommatura è stata lavata via dalla pioggia di ieri. Come dato, Vettel e Nasr non avevano mai utilizzato la supersoft prima della Q1.

I team non hanno, quindi, molti dati a disposizione in merito ai livelli di usura e degrado e questo inciderà anche nell’elaborazione delle strategie.
Le condizioni ambientali e di pista sono rimaste abbastanza fredde durante tutto il giorno, per cui una delle sfide maggiori è stata quella di riscaldare abbastanza le gomme, su un asfalto scivoloso.
Soltanto Rosberg e Hamilton sono riusciti a completare la Q1 utilizzando unicamente la mescola morbida, e segnando rispettivamente il primo ed il terzo miglior tempo della sessione.

Dalla Q2 in poi, tutti i piloti hanno utilizzato soltanto gli pneumatici supersoft, che sono attualmente 1,1 secondi al giro più veloci di quelli soft.

Anche in questa sessione i piloti Mercedes sono stati i più veloci.

Rosberg ha segnato il miglior tempo nel suo ultimo run in Q3, lasciandosi alle spalle Hamilton  e Valtteri Bottas.

L’ultima sessione di prove libere di questa mattina è stata interrotta in seguito ad un incidente accorso al pilota della Toro Rosso, Carlos Sainz. Al momento dell’interruzione, Rosberg era il più veloce con gomme supersoft.
Le attività in pista necessarie per riparare le barriere hanno costretto a cancellare la gara di GP3; questo ha ulteriormente limitato la quantità di gomma depositata sulla pista.

Paul Hembery, Direttore Pirelli Motorsport: “La cosa più importante di oggi è che Carlos Sainz sta bene. Tutto il resto è secondario.
I piloti hanno potuto girare poco, per cui ci sono molti punti interrogativi circa la strategia ottimale di gara – soprattutto perché non abbiamo mai corso qui con la mescola supersoft”.

La strategia
Poiché le squadre hanno completato pochi giri nelle prove libere, è difficile avere una precisa indicazione della strategia per i 53 giri di gara. Tuttavia, molte squadre potrebbero optare per una strategia ad una sola sosta, considerati anche i bassi livelli di usura e di degrado. In questo caso, la strategia più veloce potrebbe essere: iniziare con le supersoft e poi passare alle soft tra il 18° e il 22° giro. Tuttavia non è escluso che qualche squadra opti per una strategia a due soste, soprattutto se le temperature dovessero aumentare”.

TOP10
1 Rosberg   1m38.561s  Supersoft new 
2 Bottas   1m39.287s  Supersoft new 
3 Hamilton   1m39.363s  Supersoft new 
Pneumatici usati dai top 10: 
Rosberg   1m37.113s  Supersoft new   
Hamilton   1m37.433s  Supersoft new   
Bottas   1m37.912s  Supersoft new   
Vettel  1m37.965s  Supersoft new   
Raikkonen  1m38.348s  Supersoft new   
Hulkenberg   1m38.659s  Supersoft used   
Perez   1m38.691s  Supersoft used   
Grosjean   1m38.787s  Supersoft new   
Verstappen  1m38.924s  Supersoft new   
Ricciardo   1m39.728s  Supersoft new 

comments powered by Disqus

Articoli più letti