GP Monaco F1 2016, Prove Libere: Ricciardo precede Hamilton

GP Monaco F1 2016, Prove Libere: Ricciardo precede Hamilton

Debutto del nuovo pneumatico P Zero Purple ultrasoft durante le prove libere del Gran Premio di Monaco. La mescola più morbida del range P Zero ha stabilito il miglior tempo della giornata con il pilota della Red Bull, Daniel Ricciardo, che nelle FP2 ha fermato il crono sull’1m14.607s. Il tempo dell’australiano è stato di quattro decimi di secondo inferiore a quello della pole dello scorso anno e l’ha portato a sfiorare il record assoluto sul giro (1m14.439s) stabilito da Michael Schumacher nel 2004 su Ferrari.

Con un asfalto in rapida evoluzione, come da tradizione a Montecarlo, il grip è migliorato col procedere di entrambe le sessioni, nonostante diversi incidenti abbiano lasciato detriti in pista.

I tempi registrati dalla Purple ultrasoft sono stati fino a un secondo più veloci di quelli della Red supersoft. I piloti sono riusciti a provare tutte e tre le mescole nominate – soft, supersoft e ultrasoft – con diversi carichi di carburante nelle condizioni calde del pomeriggio (la temperatura della pista ha raggiunto i 44°C) per determinare potenziali strategie di gara.


Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “Abbiamo avuto un buon feedback dal pneumatico ultrasoft, che finora ha performato secondo le nostre aspettative. Dai dati che abbiamo sinora, prevediamo che possa percorrere più di 15 giri prima di doverlo sostituire: la domanda interessante sarà se farà cambiare idea a qualche pilota rispetto alla strategia di una sola sosta. Strategia che ultimamente si è rivelata la scelta vincente del Gran Premio di Monaco. Questa sera per tutti ci saranno molte informazioni da analizzare prima delle prove libere di sabato mattina quando, con l’insolita giornata di break qui tra le sessioni, la pista potrebbe dare un feeling differente”.

FP1 – TEMPI
1. Hamilton 1m15.537s UltraSoft – New 
2. Rosberg 1m15.638s UltraSoft – New 
3. Vettel 1m15.956s UltraSoft – New 
FP2 – TEMPI
1. Ricciardo 1m14.607s UltraSoft – Used 
2. Hamilton 1m15.213s UltraSoft – New 
3. Rosberg 1m15.506s UltraSoft – New 

FP1 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA
Soft Sainz 1m17.130s 
Supersoft Kvyat 1m16.426s 
Ultrasoft Hamilton 1m15.537s 

FP2 – MIGLIOR TEMPO PER MESCOLA
Soft Kvyat 1m16.529s 
Supersoft Hamilton 1m15.489s 
Ultrasoft Ricciardo 1m14.607s 

STINT PIÙ LUNGHI DELLA GIORNATA
Soft Perez 21 giri 
Supersoft Haryanto 17 
Ultrasoft Ricciardo 21 

 
Il fatto: il Gran Premio di Monaco ha avuto come protagoniste le monoposto di Formula 1 fin dall’inizio del Campionato, con una sola eccezione, la gara del 1952, riservata alle sports cars. In quella occasione, Vittorio Marzotto vinse al volante di una Ferrari, dopo essere partito 11° sulla griglia e aver completato 100 giri. Nel 1996, Olivier Panis vinse sotto la pioggia da una posizione persino più arretrata: il francese si era infatti qualificato 14°. La sua vittoria è l’ultima di un pilota francese in Formula 1. 

Visto oggi nel paddock: Pastor Maldonado. Il venezuelano ha fatto un gradito ritorno nel paddock di F1, dopo aver perso il suo sedile in Renault a favore di Kevin Magnussen a inizio anno. Ma chiaramente non ci sono rancori.

comments powered by Disqus

Articoli più letti

Articoli precedenti su DueMotori.com

F1 Monaco GP 2016: statistiques

F1 Monaco GP 2016: statistiques
in Formula 1

2016 Monaco Grand Prix: Preview

2016 Monaco Grand Prix: Preview
in F1

Red Bull Race Preview: Monaco 2016

Red Bull Race Preview: Monaco 2016
in F1