Formula 1 - ultimi articoli


GP2 Monza 2016: il venerdì

Il pilota Redbull Pierre Gasly conferma la sua grande forma qui a Monza durante le qualifiche sotto un imponente sole e registra in fato la sua terza pole position della stagione con un tempo di 1:31.199.   "Non e stato una qualifica facile, sono rimasto secondo durante il primo set, pero con il team abbiamo saputo migliorare durante il secondo run anche se e vero che stato difficile per tutti noi, particolarmente quando ho voluto lasciare un po di spacio prima la parabolica per gestire in giro veloce.

 

GP Italia F1 2016, Monza: il venerdì è argento

Ed eccoci alla pista, dopo tante parole sugli eventi e le vicende se volgiamo politiche inerenti il GP Italia. Caldo estremo – con temperature più alte persino di quelle registrate in Belgio lo scorso weekend – velocità molto elevate e un gap di prestazioni relativamente contenuto tra supersoft e soft sono stati i punti-chiave delle prove libere di oggi a Monza. Le temperature della pista hanno raggiunto i 46°C nel pomeriggio, oltre 30°C quelle ambientali, e questo ha chiaramente avuto un effetto su consumo e degrado dei pneumatici, specie con le supersoft.

 

GP Italia F1 2016, Monza: la 1^ Champions on the grid dona 32mila €

Quattro calci ad un pallone tra la F1 All Stars e un team di calciatori di livello UEFA, Champions League Legends ed è subito un successo per il pubblico presente, oggi pomeriggio, presso il circuito di Monza. In aggiunta alla consueta sessione di autografi, in griglia di partenza, si  è svolta il giovedì pre-gara sulla Pit Lane, la partita di calcetto a 5, benefica, in favore dei terremotati del centro Italia ma non solo, anche per aiutare associazioni locali. Evento mai visto sinora a un GP di F1 questo, organizzato da Heineken, sponsor ufficiale del Gran Premio di Italia, proprio a Monza che si candida quindi a riproporlo tra un anno (e per altri tre almeno).

 

GP Italia F1 2016 Monza: la presentazione

Mentre il capoclassifica Lewis Hamilton è alla caccia della sua quarta affermazione in terra brianzola, i tifosi Ferrari sperano nella prima vittoria stagionale delle Rosse. L’impegno di ACI e AC Milano per il rinnovo del contratto. Vendite dei biglietti in crescita. Prima del via, domenica, il mondo della Formula 1 in silenzio per ricordare le vittime del terremoto.   Presso la Sala Stampa “Tazio Nuvolari”  è stato presentato oggi il Formula 1 Gran Premio Heineken d’Italia 2016 che si svolgerà nel prossimo fine settimana.

 

GP Italia F1 2016, Monza: la carta identità del circuito

Dallo specialista dei freni Brembo la carta identità del circuito di Monza. Conosciuto dagli appassionati come il "tempio della velocità", quello di Monza è un tracciato molto impegnativo che mette a dura prova l'impianto frenante delle monoposto. La presenza di lunghi rettilinei e la mancanza di carico aerodinamico, che riduce la possibilità di scaricare efficacemente la coppia frenante a terra, determinano staccate violentissime e impegnative da gestire. Per l’impianto frenante la curva 01 risulta essere la più impegnativa del circuito.

 

GP Italia F1 2016, Monza: Anteprima tecnica

Ieri si "(s)parlava" di azzardi nei sorpassi al GP Beglio ed eccoci, finalmente oggi a parlare della gara di casa per gli italiani sul circuito più veloce in assoluto, che fa di Monza l’indiscusso ‘Tempio della Velocità’. Le attuali velocità in curva non sono eccessive, quindi si gioca tutto sui rettilinei, dove le monoposto sfiorano i 360 km/h grazie anche a configurazioni specifiche da basso carico che generalmente si vedono solo in Italia. Per Monza Pirelli ha scelto le mescole medium, soft e (per la prima volta) supersoft: la quarta gara consecutiva in cui vedremo in azione questi pneumatici.

 

GP Belgio F1 2016, Domenica: Rosberg vince Ferrari in scompiglio

Partito dalla pole, il pilota della Mercedes Nico Rosberg ha vinto il Gran Premio del Belgio, caratterizzato da incidenti e da un lungo periodo di bandiera rossa a inizio gara. Al via del Gran Premio tutte e tre le mescole disponibili, medium, soft, e supersoft, sono state viste in pista. Hamilton e Alonso sono partiti dall’ultima fila montando le più durevoli medie e hanno sfruttato il caos al via per arrivare fino alla top 5 quando la gara è stata interrotta. Durante un periodo di bandiera rossa i cambi gomme sono consentiti, dando a tutti i piloti un pitstop ‘gratuito’.

 

GP Belgio F1 2016, Gara: analisi grafica

In queste immagini la grafica a evidenza dei pit-stop e cambi gomme di tutti i piloti F1 al GP Belgio 2016. 51 pit-stop totali, con tutti i dati dei giri veloci per ogni mescola e stint più lunghi.

 

GP Belgio F1 2016, Sabato: pole di Rosberg

Con temperature insolitamente alte per le qualifiche del Gran Premio del Belgio, il pilota della Mercedes Nico Rosberg ha conquistato la pole position usando i pneumatici P Zero Red supersoft. La sessione più importante è stata il Q2, con Rosberg, Daniel Ricciardo e il duo della Ferrari, Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, che hanno fatto il loro miglior tempo su pneumatici soft. Sarà dunque questa la mescola con cui domani inizieranno la gara, sfruttando un primo stint più lungo.

 

GP Belgio F1 2016, Venerdì: Verstappen più veloce con asfalto a 44°

Insolitamente per Spa, temperature elevate hanno caratterizzato entrambe le sessioni di prove libere, con quelle ambientali che nel pomeriggio hanno raggiunto i 35°C e quelle dell’asfalto i 44°C. I team hanno usato tutte e tre le mescole nominate – medium, soft e supersoft – con il pilota della Red Bull Max Verstappen più veloce di tutti nella sessione pomeridiana sulle supersoft, con un tempo di 1m48.085s che ha battuto quello delle FP2 dello scorso anno di 1m49.

 

GP Italia F1 2016 Monza, Pneumatici: le scelte dei piloti

Ecco le gomme per il Gran Premio d’Italia, dal 2 al 4 Settembre 2016. Le vedete nell'immagine. La FIA ha comunicato a Pirelli il numero di set di pneumatici e relative mescole scelti da ciascun pilota per il Gran Premio d’Italia in programma a Monza dal 2 al 4 settembre prossimi.

 

GP Belgio F1 2016, Spa: anteprima tecnica

Dopo la non breve pausa estiva, la Formula 1 riparte da uno dei circuiti più epici in calendario: Spa-Francorchamps, in Belgio. I P Zero medium, soft e supersoft sono stati nominati per il giro più lungo dell’anno – 7,004 chilometri – che sottopone i pneumatici a elevati carichi di energia. Lo storico circuito ai piedi delle colline delle Ardenne è noto per il suo clima variabile: il meteo sarà dunque un parametro fondamentale per le strategie. IL CIRCUITO I carichi che agiscono sui pneumatici sono tra i maggiori dell’anno, per via delle curve lunghe e veloci.

 

GP Belgio F1 2016, Spa: anteprima sportiva

Lunga pausa estiva per la F1 che riaccende ora i motori in centro Europa per il GP Belgio 2016, presso il mitico circuito di SPA. Domenica 28 agosto avremo una delle gare più attese della stagione, con la mitica Eau Rouge. Se il mondiale 2016 è solo affare Mercedes, da seguire rimane sempre la lotta interna tra Hamilton e Rosberg, per capire se il tedesco, qui non distante da casa, può ancora giocarselo davvero o meno, il titolo.   Ferrari e Red Bull a cercare di dar fastidio o magari mettersi davanti alle frecce d'argento, con Verstappen chiamato a far vedere cosa vale su una pista seria e dura.

 

GP Italia F1 2016, Monza: spettacoli in piazza

Ambiente. Storia e cultura. Gastronomia. Sport e motori, gli ingredienti della kermesse che si snoderà nel centro storico e in altri punti cittadini. La centrale piazza Trento e Trieste sarà trasformata in un grande giardino con piante e fiori, giochi e laboratori per bambini, intrattenimento per famiglie. Saranno inoltre presenti le realtà sportive monzesi e sarà allestito un maxi schermo per seguire le prove e il GP. Non mancherà la Ferrari presente in piazza Roma in un contest suggestivo.

 

GP Germania F1 2016, Hockenheim: Hamilton vince davanti alle Red Bull

E alla fine la partenza ha influito anche questa volta, con Rosberg poleman attardato e Hamilton secondo in griglia ma sicuro vincitore. Come da previsioni, nel Gran Premio di Germania ci sono state diverse strategie, con la maggior parte dei piloti su tre soste. Il vincitore, Lewis Hamilton, ha alternato supersoft e soft, mentre il poleman Nico Rosberg è partito con due set di supersoft e ha terminato la gara con due set di soft. Strategia diversa in Red Bull, con entrambi i piloti arrivati a podio, anche loro con strategie differenziate: tuttavia, sia Ricciardo sia Verstappen hanno concluso la gara sulle supersoft per sfruttarne la velocità extra.

 

GP Germania F1 2016, Hockenheim: pole di Rosberg in casa

Il pilota della Mercedes Nico Rosberg ha conquistato la pole position nel Gran Premio di Germania. Le condizioni sono rimaste calde e asciutte per tutta la sessione, con temperature della pista di 38°C a metà qualifiche. Il tempo della pole di Rosberg di 1m14.363s è stato di oltre due secondi più veloce di quello della pole 2014 (1m16.540s). I piloti della Mercedes sono stati i soli a superare il Q1 usando solo i pneumatici soft, mentre tutti gli altri hanno montato le supersoft – di circa 1,5 secondi più veloci sulla pista tedesca.

 

GP Germania F1 2016, Hockenheim: il venerdì

Giornata di prove libere oggi per la F1 in Germania, a Hockenheim i team si sono concentrati sulle mescole P Zero Red supersoft e P Zero Yellow soft, con pochissimi giri nelle FP1 sulle medie, nominate con le altre due questo weekend per il ritorno della F1 a Hockenheim. Con circa 1,5 secondi che per ora dividono queste due mescole, la supersoft sembra la scelta che i piloti di testa adotteranno domani in qualifica. Il gap è aumentato dagli 1,3 secondi visti nelle FP1, probabilmente perché nel pomeriggio i team hanno ottimizzato le loro prestazioni sulle supersoft, concentrandosi su simulazioni di qualifica e gara.

 

GP Germania F1 2016, Hockenheim: Anteprima

Due GP di fila senza sosta, per questo periodo caldo dell'anno e della F1. Tornare a Hockenheim è un po' come visitare un nuovo circuito, dato che l'ultima volta che la F1 è stata qui era il 2014, la prima stagione della nuova era ibrida. Da allora, ci sono state molte evoluzioni sulle monoposto, possiamo quindi aspettarci tempi sul giro considerevolmente più veloci rispetto a due anni fa, con pneumatici più sollecitati. Per la Germania Pirelli ha nominato le mescole medium, soft e supersoft (le stesse dell'ultima gara in Ungheria), introducendo un'opzione più dura rispetto a Hockenheim 2014, quando furono usate solo le mescole soft e supersoft.

 

GP Ungheria F1 2016, Gara: Mercedes a mani basse

Che bella rimonta la Ferrari di Raikkonen e che buon pressing anche quello di Vettel. Ma in Ungheria le rosse si fermano entrambe dietro alle Red Bull causa difficoltà di sorpassi quando le prestazioni sono simili e quello davanti è uno tosto. La vittoria? Una questione che si definisce nel box Mercedes, oggi è toccato ad Hamilton. Il Gran Premio di Ungheria è stato caratterizzato dalle temperature dell’asfalto più alte viste da inizio stagione, che hanno raggiunto i 54°C.

 

GP Ungheria F1 2016, Hungaroring: varia il meteo ma davanti rimangono le Mercedes

Un giorno di grandi contrasti in Ungheria ha fatto sì che le condizioni andassero dalle temperature della pista di 51°C nelle FP3 – un solo grado in meno della sessione più calda registrata quest’anno (con i 52°C di Baku) – alla pioggia torrenziale poco prima dell’inizio delle qualifiche. Di conseguenza, la sessione è stata ritardata di 20 minuti e, una volta partita con i Cinturato Blue full wet, è poi stata interrotta da diverse bandiere rosse.

 

GP Ungheria F1 2016, Hungaroring: il venerdì

All’Hungaroring la pioggia caduta durante la notte ha fatto entrare in azione i Cinturato Green intermediate all’inizio delle FP1, con tutte e tre le mescole slick P Zero – medium, soft e supersoft – utilizzate in pista durante il resto della giornata. Il maggior cambiamento dello stretto e tortuoso Hungaroring rispetto allo scorso anno è la nuova superficie della pista. L’asfalto, piuttosto scivoloso soprattutto dopo la pioggia, si è dimostrato più veloce del  precedente.

 

GP Germania F1 2016: le scelte pneumatici

La FIA ha comunicato a Pirelli il numero di set di pneumatici e relative mescole scelti da ciascun pilota per il Gran Premio di Germania in programma a Hockenheim dal 29 al 31 luglio prossimi. Eccole sintetizzate nell'immagine allegata.

 

GP Ungheria F1 2016, Hungaroring: l'anteprima

Dopo i rettilinei a tutta velocità e i curvoni di Silverstone è il turno dello stretto e tortuoso Hungaroring. Per l’Ungheria sono stati nominati i pneumatici medium, soft e supersoft: statisticamente la combinazione più popolare dell’anno, usata l’ultima volta a Baku. L’Hungaroring è stato spesso descritto come un circuito da go-kart, solo più grande, e, ad aggiungere incertezze al primo circuito che ha ospitato un gran premio oltre la Cortina di Ferro esattamente 30 anni fa, ci pensano le condizioni meteo, che possono variare dal caldo estremo alla pioggia torrenziale (come due anni fa e anche nel 2011).

 

GP Gran Bretagna F1 2016, Gara: quarto successo in casa di Hamilton

Il pilota Mercedes Lewis Hamilton ha vinto per la quarta volta la gara di casa, usando tre diversi tipi di mescole Pirelli. Il Gran Premio di Gran Bretagna è stato infatti segnato dalla pioggia torrenziale caduta 15 minuti prima dell’inizio della gara, per cui la partenza è avvenuta dietro la safety car con tutti i piloti sui Cinturato Blue full wet. Quando dopo cinque giri la safety car è rientrata, molti piloti hanno montato subito i Cinturato Green intermedi, mentre i leader hanno sfruttato il vantaggio di una virtual safety car per passare alle intermedie poco dopo.

 

GP Gran Bretagna F1 2016, Sabato: pole di Hamilton in casa

Lewis Hamilton ha conquistato un’altra pole position nella gara di casa, usando pneumatici soft per fare il giro più veloce di sempre sull’attuale configurazione di 5,891 km di Silverstone. Le qualifiche si sono disputate in condizioni fresche e con cielo coperto, con temperature di ambiente e pista che hanno raggiunto solo i 22 e 27°C. Durante le prove libere in mattinata è caduta anche una leggera pioggia, che ha fatto entrare in azione i Cinturato intermedi e full wet.

 

GP Gran Bretagna F1 2016, Venerdì: Hamilton nelle Libere

Le due sessioni di prove libere a Silverstone sono state in netto contrasto: condizioni fresche e cielo coperto il mattino con minaccia di pioggia, seguite da caldo e asciutto il pomeriggio, con temperature di pista e ambiente che hanno raggiunto rispettivamente i 35 e i 22° C. Questo ha permesso ai piloti di provare tutti e tre i pneumatici nominati per Silverstone – hard, medium e soft – in un’ampia varietà di condizioni, e di raccogliere molti dati con diversi carichi di carburante su ciascuna mescola.

 

GP Gran Bretagna F1 2016, Silverstone: Anteprima

Silverstone arriva subito dopo l’Austria ma i due eventi non potrebbero essere più diversi: a Spielberg sono scesi in pista i pneumatici più morbidi della gamma P Zero, a Silverstone invece entrano in azione i più duri (solo le soft sono in comune, presenti in tutte le gare di questa stagione). Pirelli ha scelto di portare a Silverstone P Zero soft, P Zero medium e P Zero hard per far fronte agli alti carichi di energia e alle elevate velocità di un circuito caratterizzato da veloci rettilinei e rapidi cambi di direzione.

 

GP Austria F1 2016, Spielberg: Hamilton tra i colpi di scena

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio d’Austria dopo essere partito dalla pole position, con una strategia su due soste e al termine di una gara culminata in un duello tra lui e il compagno di squadra Nico Rosberg. Rosberg ha sfruttato la strategia per migliorare la sua posizione al via, giocando d’anticipo per il pit-stop su diversi piloti, incluso il compagno di squadra, andando a prendere il comando della gara. Ma Hamilton l’ha superato in un finale da brividi e Rosberg ha chiuso quarto dopo una collisione con il compagno nell’ultimo giro.

 

GP Austria F1 2016, Spielberg: il sabato è di Hamilton

Il pilota della Mercedes Lewis Hamilton ha conquistato la pole position in Austria utilizzando i pneumatici P Zero Purple ultrasoft. Sulla pista che si andava asciugando nella Q3 – sessione iniziata con le intermedie – la pole position si è giocata sui tempi degli ultimissimi run. Le temperature della pista erano già elevate nelle FP3, dove hanno toccato i 48°C. Nella prima parte delle qualifiche hanno superato i 50°C: le temperature più alte registrate in tutto il weekend.

 

GP Austria F1 2016, Spielberg: il venerdì

Nico Rosberg ha usato pneumatici Pirelli ultrasoft per stabilire il miglior giro di sempre al Red Bull Ring. Il circuito austriaco è stato riasfaltato quest’anno: fattore che ha già prodotto un notevole miglioramento nelle velocità rispetto al 2015. Il pilota della Mercedes ha fermato il cronometro sull’1m07.373s durante le FP1 prima di restare fermo con i colleghi per più di 30 minuti durante le FP2, per via della pioggia torrenziale caduta sui 4,326 chilometri del circuito.

 

GP Austra F1 2016, Spielberg: Anteprima

Per la visita annuale della Formula Uno al Red Bull Ring sono state nominate le tre mescole più morbide nella gamma P Zero: soft, supersoft e ultrasoft. Il circuito dello Spielberg è probabilmente il luogo in cui la Formula 1 più si avvicina a una tappa del rally: con grandi cambi di elevazione e una sequenza di curve veloci e tortuose. Anche il meteo nella zona può essere piuttosto imprevedibile. Sebbene il tracciato sia tornato nel calendario della F1 nel 2014, ha le sue radici nell’Osterreichring del 1969, il che dà alla pista un carattere in stile vecchia scuola ancora oggi evidente.

 

GP Europa F1 2016, Baku: Rosberg inaugura l'albo d'oro

Il primissimo Gran Premio in Azerbaijan è stato vinto dal pilota Mercedes Nico Rosberg che, partito dalla pole, si è fermato una sola volta, passando dalle supersoft alle soft senza mai perdere il comando. I primi sei sono partiti sulle supersoft e hanno effettuato una sola sosta per montare le soft, tra i giri 8 e 21. I loro stint con le morbide sono perciò durati fino a 43 giri, come nel caso del pilota Ferrari Kimi Raikkonen. Risultato ottenuto nonostante un consumo più alto del previsto, per via delle temperature più elevate rispetto a quanto registrato in prova e in qualifica.

 

GP Europa F1 2016, Baku: Nico Rosberg in pole

Sarà il pilota della Mercedes Nico Rosberg a scattare dalla pole position domani, dopo aver usato i P Zero Red supersoft dall’inizio alla fine delle qualifiche. Per l’intera sessione tutti i piloti hanno utilizzato i pneumatici più morbidi, nominati con soft e medium per il gran premio inaugurale in Azerbaijan. Con livelli di evoluzione della pista piuttosto elevati, il circuito è diventato sempre più veloce di sessione in sessione. Il Q3 finale è stato interrotto da una bandiera rossa a due minuti dalla fine, dando ai piloti l’opportunità di uscire per un ultimo run.

 

GP Europa F1 2016, Baku: Hamilton primo nelle libere

Oggi i team si sono confrontati con la seconda pista più lunga in calendario, che racchiude una serie di caratteristiche uniche, tra cui velocità massime elevate che superano i 350 km/h. Di conseguenza, la priorità è stata familiarizzare con il tracciato e raccogliere i dati con tutte e tre le mescole P Zero nominate: medium (usata solo per giri di installazione nelle FP1), soft e supersoft, che diversi team hanno utilizzato durante entrambe le sessioni. Come previsto, le temperature sono state elevate e l’evoluzione della pista notevole, con una superficie estremamente scivolosa in particolare a inizio giornata.

 

GP Canada F1 2016, Gara: Hamilton precede la rossa di Vettel

Lewis Hamilton vince dalla pole con una sola sosta, tenendo dietro Sebastian Vettel su due pit stop. Con le temperature più basse degli ultimi tempi, le diverse strategie hanno aiutato i piloti a guadagnare posizioni. Il giro più veloce in gara è stato sulle soft ed è di 1.4s, inferiore rispetto a quello del 2015, fatto con le supersoft Il Gran Premio del Canada si è svolto nelle condizioni più fredde avute negli ultimi tempi in un weekend di gara, con temperature della pista di soli 20°C che hanno messo l’accento sul warm-up e sulla gestione dei pneumatici.

 

GP Canada F1 2016, Qualifiche: pole di Hamilton

Quinta pole position personale per Lewis Hamilton in Canada, ottenuta con i P Zero Purple ultrasoft nelle qualifiche più fredde da inizio anno. Nonostante temperature a inizio sessione di soli 17°C per l’ambiente e di 20°C per l’asfalto, la pole di Hamilton di 1m12.812s è stata oltyre un secondo e mezzo più veloce della sua pole del 2015 e circa mezzo secondo più lento del giro record assoluto (1m12.275s) fatto da Ralf Schumacher nel 2004 con un motore 3000 V10.

 

Amber Lounge 2016: a Montercarlo il GP non è solo in pista

Scintillanti abiti, celebrità “A-list”, piloti di F1, modelli sensazionali, aste di beneficenza, performance di cantanti e ballerini: Amber Lounge sfilata di moda ... ci risiamo! L'evento annuale delle star si è celebrato venerdì scorso, con la sua sfilata di moda al 10 °anniversario nel Principato di Monaco, presso la piscina che circonda l'hotel Le Méridien Beach Plaza, con vista su un mare Mediterraneo pieno di yacht. Lo spettacolo glamour ha visto la partecipazione della superstar americana Akon, così come Jazmin Grimaldi la figlia maggiore di SAS il Principe Alberto II di Monaco, Lady Victoria Hervey, Victoria Silvstedt, Liam Cunningham, Paddy Lowe e Gene Haas, e naturalmente i piloti di F1 come il campione del mondo Jenson Button.

 

GP Canada F1 2016, Montreal: il venerdì è di Hamilton

Tutte e tre le mescole selezionate per il Gran Premio del Canada sono state usate durante le prove libere di oggi, iniziate in mattinata con soli 14°C. In condizioni così fredde i piloti hanno dovuto prestare particolare attenzione al warm-up dei pneumatici, per essere certi che operassero nel working range corretto e ottenere così  il massimo del loro potenziale. A causa delle temperature basse del mattino si è avuto del graining, un fenomeno normale in Canada, che diminuirà man mano che la pista sarà più gommata.

 

GP Canada F1 2016, Montreal: Anteprima tecnica

Dopo due settimane soltanto dal loro debutto a Monaco, i nuovi pneumatici P Zero Purple ultrasoft ritornano in Canada, insieme ai P Zero soft e P Zero supersoft. Ma il Canada presenterà sfide differenti rispetto a Monaco, con velocità e carichi più elevati che generano maggior calore e scaricano più energia sui pneumatici. IL CIRCUITO Come Monaco, quello del Canada è un circuito con basso grip e una notevole evoluzione dell’asfalto durante il weekend.

 


Prec. Prec.Pag. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54Succ. Succ.