GP2 Spa, tappa decisiva: tracciato duro per gomme e piloti

di Redazione DueMotori.com

GP2 Spa, tappa decisiva: tracciato duro per gomme e piloti


Spa-Francorchamps potrebbe essere la terra di conquista per il leader Romain Grosjean. Il pilota della Dams arriva in Belgio con 25 punti sul rivale titolo Giedo van der Garde. Il pilota olandese del team Barwa Addax dovrà combattere con tutte le sue forze questo fine settimana l'ottava prova del la stagione 2011, non solo rincorrere Grosjean, ma anche ottenre la sua prima vittoria di quest'anno, per cercare di mantenere le speranze vive.
  
Dopo una pausa estiva la GP2 torna al lavoro al centro delle Ardenne. Spa presenta molte sfide a partire dal tempo, conosciuto per la sua imprevedibilità.

Si tratta di una pista ad alta velocità che offre diversi tipi di curve, tra cui la famigerata Eau Rouge.

  
Il responsabile di Pirelli Corse, Mario Isola ha commentato: "Il P Zero GP2 nella specifica mescola media è progettato per lavorare bene in una vasta gamma di condizioni. Questo li rende adatti a circuiti con caratteristiche variabili come Spa-Francorchamps. Essere facilmente adattabili, a caldo come a freddo, li rende una scelta perfetta per il Belgio a causa del tempo, che è abbastanza imprevedibile. Sarà interessante vedere quali strategie i piloti faranno in condizioni della pista, potrebbe essere asciutto in alcune sezioni mentre altre bagnate, durante le gare - Isola continua – ci saranno poi carichi estremamente elevati, verticali, che mettono richieste sulla gomma. Soprattutto quando si affronta l'Eau Rouge e Raidillon combinazione che richiede una capacità dal driver, con conseguenti livelli di compressione elevati per le gomme. Le slick medie forniranno agli automobilisti il grip necessario su un circuito che dimostra probabilmente l'importanza della abilità conducente più di ogni altro nel mondo ".
 
 
In foto2 l'elenco squadre al via, con piloti e numeri.
 

comments powered by Disqus

Articoli più letti