Mazda CX-7: Divertimento alla guida senza compromessi

Mazda CX-7: Divertimento alla guida senza compromessi


Mazda CX-7 è frutto di un nuovo pianale che offre al veicolo una base sufficientemente grande da poter ospitare cinque persone ed i loro bagagli in pieno comfort, andando nel contempo a bilanciare il tutto con dimensioni del telaio che offrono una maneggevolezza di tipo Zoom-Zoom. Il veicolo presenta quasi la stessa lunghezza di Mazda6 (4.680 mm rispetto a 4.690 mm) ed è più largo di 90 mm (1.870 mm rispetto a 1.780 mm), il che offre una migliore stabilità di marcia, con spaziosità e comfort da SUV. Le ruote di CX-7 sono poste agli angoli estremi del veicolo, consentendo agli ingegneri di donare a Mazda CX-7 un design sportivo ed aerodinamico.

Rinforzi nelle zone chiave – Carrozzeria più rigida
Sul nuovo pianale sono presenti un telaio ed un sistema delle sospensioni capaci di offrire prestazioni eccezionali, con una sterzata precisa, stabilità e controllo.

La carrozzeria di Mazda CX-7 è un modello esemplare di robustezza e rigidità, nelle zone chiave e su tutta la struttura. Nel corso dello sviluppo iniziale del telaio sono stati utilizzati metodi CAE per individuare le zone locali della struttura maggiormente soggette a deformazioni in condizioni di guida estrema, che sono state poi irrobustite e alleggerite.

L’apertura dei fari posteriori ed il binario interno del tetto, nel punto in cui si incontra con il montante centrale, sono stati rafforzati, così come l’apertura del portellone posteriore e l’attacco delle sospensioni; inoltre è stato inserito un ulteriore giunto sul battitacco laterale e la zona della piastra della traversa è stata rafforzata. Per la versione europea, la traversa anteriore ed i tre longheroni del tunnel sono più spessi rispetto a quelli dei modelli distribuiti in altre parti del mondo, andando a soddisfare la clientela europea che richiede sportività.

Tecnologia CAE di Mazda – Ottimizzazione della Robustezza della Carrozzeria, dell’Aerodinamica e Riduzione di Rumorosità, Vibrazioni e Disturbi (NVH)
„Per CX-7 il prototipo è stato sviluppato da zero utilizzando la più recente tecnologia di progettazione assistita (CAE), per creare un design della carrozzeria capace di ottimizzare la stabilità di manovra, la sicurezza in caso di scontro, e di ridurre rumorosità, vibrazioni e disturbi (NVH)“ spiega Masashi Ohtsuka, responsabile del progetto Mazda CX-7. Il numero di elementi esaminati tramite procedura CAE è stato incrementato a 363 ed alcuni sono stati analizzati per la prima volta. Invece di valutare la rigidità della carrozzeria come un’unica struttura, i progettisti CAE hanno analizzato ogni singola parte. Sono state individuate e rinforzate le zone chiave, come le sezioni del battittacco laterale ed i punti di fi ssaggio dei sedili. Ciò ha consentito agli ingegneri di ottimizzare la rigidità della carrozzeria per migliorare la stabilità di manovra e le prestazioni aerodinamiche, caratteristiche fondamentali considerando che il veicolo è dotato di un motore DISI e per garantire la sicurezza in caso di urti. Sono state ottimizzate le prestazioni in termini di rumorosità, vibrazioni e disturbi (NVH) dando inizio ad un’analisi sistematica completa del veicolo in cui sono state sottoposte a valutazione le vibrazioni di ogni singola parte del veicolo, dal telaio anteriore alla struttura dei pannelli, per ridurre la rumorosità nell’abitacolo conferendo un comfort elevato durante la marcia.

Sospensioni
Mazda CX-7 utilizza sospensioni anteriori a schema McPherson, messe a punto per una rigidità elevata, ottenendo un comportamento prevedibile e una maneggevolezza sportiva ed agile, rumorosità ridotta e comfort di guida. Il sistema utilizza puntali a sfera con cuscinetti a basso attrito, molle a forte controllo delle forze laterali, insieme a sei punti di fissaggio in gomma per una sensazione armoniosa in sterzata. Inoltre, è stato adottato un maggiore angolo di incidenza per ottimizzare la stabilità in rettilineo, offrendo nel contempo un’eccellente risposta su strada ed una notevole aderenza in curva.

Messa a punto del telaio per l’Europa
In Europa, i clienti mostrano grandi aspettative quando si tratta di caratteristiche di guida. Per ottenere i massimi valori di potenza e coppia dal 2.3 DISI turbo a benzina e venire incontro alle esigenze del mercato europeo, ai progettisti di Mazda Giappone e di Mazda Europa del centro europeo di Ricerca e Sviluppo di Mazda, ad Oberursel, in Germania, è stato affidato il compito di mettere specificamente a punto le prestazioni di Mazda CX-7. Il team ha pertanto passato settimane a provare la vettura sul circuito del Nürburgring, detto “l’inferno verde”, e sulle autostrade tedesche per individuare i punti in cui il telaio poteva essere migliorato per adattarlo alle condizioni di guida europee. Da queste considerazioni deriva l’introduzione di rinforzi specifici sulla carrozzeria, con miglioramenti alle sospensioni e configurazioni specifiche dei pneumatici e dello sterzo. Tali miglioramenti apportati al telaio hanno consentito a Mazda CX-7 di offrire una combinazione ideale di comfort ed agilità di guida, un’eccellente stabilità una tenuta di strada e una reazione dello sterzo straordinarie, proprio come richiesto dal mercato europeo.

Le sospensioni posteriori multi-link sono state concepite per garantire che le ruote mantengano la loro posizione normale nelle curve a gomito, condizione fondamentale per un veicolo a trazione integrale dotato di un coppia elevata come Mazda CX-7. Per un’eccellente stabilità nelle sterzate sono state ottimizzate la struttura posteriore e la relativa posizione, per un contenimento laterale ottimale, mentre il posizionamento dei tiranti garantisce un controllo perfetto della campanatura. Sulla versione europea di Mazda CX-7 è stata adottata una configurazione differente per le barre di trazione che collegano le sospensioni posteriori alla carrozzeria, per garantire un comportamento prevedibile, una maneggevolezza ancora più sportiva ed una reazione precisa alle sterzate. Le molle a spirale e gli ammortizzatori posteriori sono stati separati, con le molle ubicate al di sotto del pianale, in modo da ottenere una forza di smorzamento dolce su strade dissestate. Con questo assetto è stato possibile diminuire la larghezza dei passaruota ottenendo una zona di carico spaziosa e flessibile nell’abitacolo.

Affidabilità del sistema Mazda di Trazione Integrale a Ripartizione Attiva della Coppia
La coppia massima di 380 Nm di Mazda CX-7 viene erogata in modo accurato e controllabile tramite l’esclusivo sistema Mazda di trazione integrale a ripartizione attiva della coppia. Mediante l’utilizzo di una tecnologia a sensori altamente innovativa vengono monitorati l’angolo di sterzata, il livello di imbardata, la velocità delle ruote, la forza G laterale e la posizione della valvola a farfalla, per ottimizzare in tempo reale la tenuta del veicolo in qualunque condizione di guida e di fondo stradale.

Il modulo di controllo della trazione integrale del veicolo applica la coppia distribuendola fra gli assali utilizzando un accoppiamento a controllo elettronico attivo della coppia montato davanti al differenziale posteriore. Il sistema si autogestisce e ripartisce automaticamente la coppia in un range che va da 100:0 (trazione sul solo assale anteriore) a 50:50 (ripartizione della coppia tra assale anteriore e posteriore). Grazie alla ripartizione attiva della coppia e alla configurazione degli oragani di trasmissione, Mazda CX-7 è perfettamente guidabile, in ogni condizione atmosferica e di fondo stradale.

Eccellenti Dotazioni di Sicurezza
Mazda CX-7 è completo con dotazioni e sistemi di sicurezza attiva e passiva che hanno consentito di ottenere un punteggio complessivo di cinque stelle nei crash-test NCAP statunitensi1. CX-7 presenta grandi freni a disco ventilati anteriori e posteriori (320 mm / 302 mm), a cui sono abbinati un servofreno a vuoto del diametro di 267 mm ed un cilindro maestro a tragitto lungo per una decelerazione lineare e controllabile con una lieve pressione ed una breve corsa del pedale. Sono presenti di serie su entrambe le versioni ABS, EBD, servofreno, DSC e TCS. L’impianto frenante offre un eccellente spazio di arresto (ad una velocità di 100 km/h sono necessari solo 41 m per arrestare il veicolo con freni già surriscaldati o freddi).

1 Mazda CX-7 non è stato ancora sottoposto a prove in Europa.

Nell’abitacolo di Mazda CX-7 la robusta struttura a tripla H di Mazda è stata rinforzata con lastre di acciaio e diversi elementi della struttura della carrozzeria (vedi pag. 32) per una maggiore resistenza agli urti; un sottotelaio anteriore aggiuntivo offre un elevato assorbimento dell’energia in caso di urto frontale. Gli ingegneri incaricati della sicurezza hanno inserito anche un elemento di giunzione fra il longherone anteriore ed il sottotelaio che devia efficacemente l’energia d’impatto verso il basso, distante dall’abitacolo. Il sottotelaio anteriore aggiuntivo è stato concepito anche per evitare che la parte anteriore di CX-7 possa sormontare il cofano di una vettura in caso di urto frontale. Invece, la struttura posteriore a rigidità elevata comprende una zona di assorbimento degli urti per proteggere il serbatoio del carburante in caso di tamponamento.

All’interno del robusto e sicuro abitacolo sono presenti sedili anteriori concepiti per proteggere il collo ed il torace in caso di tamponamento. A tale scopo, i progettisti incaricati della sicurezza hanno ottimizzato la posizione dei poggiatesta e la zona d‘inserimento, rinforzato la struttura del telaio dello schienale del sedile per evitare che possa spostarsi all’indietro, e ridotto la rigidità della parte centrale dello schienale. In caso di grave urto posteriore la testa ed il torace dei passeggeri anteriori sono mantenuti con forza contro il poggiatesta ed il sedile, consentendo di ridurre le possibilità di lesioni in tali parti del corpo.

Sono presenti di serie, su entrambe le versioni, gli air-bag anteriori, laterali anteriori e a tendina, oltre alle cinture di sicurezza (con airbag passeggero disinseribile) a tre punti di attacco con pretensionatori e limitatori di carico sui sedili anteriori. In caso di grave urto frontale il pedale del freno si sgancia automaticamente e si sposta verso il basso, invece che all’interno dell’abitacolo, riducendo la possibilità di lesioni alle gambe per il conducente. A completamento di questo eccezionale pacchetto di dotazioni di sicurezza, sui sedili posteriori sono presenti gli attacchi e gli agganci ISOFIX per il seggiolino di sicurezza per i bambini ed il rivestimento a strati dei montanti ad assorbimento di energia.

comments powered by Disqus

Articoli più letti

Articoli precedenti su DueMotori.com

Mazda CX-7: Gene Sportivo

Mazda CX-7: Gene Sportivo
in Novità auto