Subaru Italia in controtendenza: 5251 vetture vendute. E per il 2009 conferma l'impegno nei rally nazionali

di

Subaru Italia in controtendenza: 5251 vetture vendute. E per il 2009 conferma l''impegno nei rally nazionali


Nonostante i non certamente esaltanti risultati commerciali del settore automobilistico comunicati negli ultimi tempi, Il marchio Subaru in Italia ha chiuso l’anno con entusiasmanti traguardi archiviando un 2008 quasi da record, con un incremento delle immatricolazioni del 42,54% rispetto al 2007 e un totale di 5251 unità vendute, in eclatante controtendenza rispetto al mercato complessivo che nel suo totale è sceso del 13,36% (dati ufficiali UNRAE).

Pur trattandosi di volumi contenuti, si tratta di un risultato particolarmente significativo, sia sul piano dell’immagine che su quello programmatico, e costituisce la più chiara dimostrazione del successo della strategia di prodotto di Subaru in generale e di Subaru Italia in particolare, incentrata su un profondo rinnovamento della gamma e sulla proposta di tutti i suoi principali modelli con tre tipi di alimentazione: benzina, BI-Fuel e diesel.

Questo significativo risultato porta la filiale italiana (che decide anche le strategie per i mercati austriaco, sloveno, croato e slovacco) a posizionarsi come terzo paese di riferimento per il marchio delle pleiadi in Europa.

Nel corso del 2008 Subaru ha dapprima lanciato il rivoluzionario BOXER Diesel e poi è stata la volta della nuova Forester benzina BI-Fuel che dopo sei mesi si è dotata del propulsore a gasolio.

A brevissimo l’introduzione sul mercato della Impreza Diesel.

Nella storia Subaru, il marchio “mai ha sferrato un’offensiva di prodotto così ampia e in così poco tempo”. Sono parole di Alberto Zambelli-Rain, direttore del marketing della filiale italiana.

Antesignana nel proporre direttamente nel proprio listino le versioni con la doppia alimentazione benzina-GPL, Subaru Italia è diventata un punto di riferimento per questo tipo di soluzione ecologica ed economica. Con l’avvento del boxer-diesel, primo esempio al mondo di motore a gasolio a cilindri orizzontali contrapposti su vetture di grande serie, Subaru ha idealmente completato il panorama delle sue proposte di motori boxer abbinati all’esclusivo sistema di trazione Symmetrical AWD. Dopo il lancio iniziale di questa unità 2 litri turbodiesel - che spicca per silenziosità, consumi e rispetto dell’ambiente - ora arriva la Impreza Boxer Diesel, che va a completare una gamma cardine della sua fortunata strategia commerciale e che costituisce un nuovo punto di forza per proseguire nel 2009 il trend commerciale positivo, in particolare sul mercato italiano.

Pur avendo abbandonato la caratterizzazione prevalente di sportiva estrema delle precedenti generazioni, incentrate sulle versioni turbo benzina WRX e STI, la Nuova Impreza continua a rappresentare la proposta di berlina sportiva della gamma Subaru ma con al centro le meno esasperate versioni 2 litri aspirate, benzina e BI-Fuel,  ed ora anche la 2 litri turbodiesel. Per sottolineare questo ideale passaggio e sfruttare l’occasione per dare una tangibile dimostrazione delle doti e della robustezza della Nuova Impreza Boxer Diesel, Subaru Italia – in controtendenza rispetto alla forma mentis della casa madre (come noto la Subaru-Prodrive si è recentemente ritirata dal WRC, il Mondiale Rally) proporrà per questa vettura nel 2009 il trofeo promozionale Impreza Boxer Diesel Cup legato alle gare del Trofeo Rally Terra organizzato dall’ Aci-Csai.

Nella Foto1: La Legacy BI-Fuel. Nella Foto2: Andrea Aghini durante il Rally di San Crispino 2008.

comments powered by Disqus

Articoli più letti