Pirelli e Lamborghini: continua la partnership con la Aventador LP700-4 Roadster

di Redazione Italia DueMotori.com

Pirelli e Lamborghini: continua la partnership con la Aventador LP700-4 Roadster

Si rafforza la partnership tecnologica tra Pirelli e Lamborghini.
La casa della Bicocca ha sviluppato per la nuova Aventador LP 700-4 Roadster una
versione dedicata degli pneumatici P Zero, le coperture Ultra High Performance nate per soddisfare le esigenze delle auto più prestazionali.
 
La nuova Roadster gommata Pirelli è stata presentata oggi alla stampa internazionale sul circuito di Homestead e sulle strade della Florida. Per l’occasione, la nuova supercar della casa di Sant’Agata Bolognese è stata gommata con il nuovo fitment +1” che prevede la 255/30ZR20 front e la 355/25ZR21 rear.

Nel corso della presentazione, i giornalisti hanno potuto saggiare le prestazioni della
nuova vettura, oltre che con gli pneumatici P Zero, anche con gli pneumatici P Zero
Corsa, declinazione per la pista della gamma UHP Pirelli, in grado di esaltare le
caratteristiche di potenza e sportività della nuova Roadster.
Le gomme P Zero fatte su misura per la nuova Lamborghini sono nate dalla
collaborazione dei ricercatori Pirelli e degli ingegneri della Casa del Toro che sono riusciti a sviluppare una soluzione innovativa in grado di garantire massima stabilità, comfort e manegevolezza ad una vettura capace di accelerare da 0 a 100 km/h in soli 3 secondi e di raggiungere una velocità massima di 350 km/h.
Il lavoro di sviluppo dei tecnici Pirelli ha interessato, in particolare, la circonferenza di
rotolamento degli pneumatici.

Per rispondere al meglio alle esigenze delle quattro ruote motrici della Lamborghini, sono state utilizzate strutture con materiali speciali e mescole più rigide in grado di contenere la deformazione dello pneumatico e mantenere le elevate caratteristiche di performance e di rotolamento in tutte le condizioni di lavoro.

 
Le nuove coperture P Zero sono state progettate in modo da assicurare massima
aderenza e velocità di adattamento ai cambi di regime della vettura, permettendo di
trasferire al suolo tutti i cavalli della nuova supercar.
Realizzate nel polo supertecnologico di Settimo Torinese in cui viene utilizzata la
tecnologia “Next Mirs”, ovvero l’evoluzione del sistema robotizzato Pirelli per la
produzione di pneumatici, tali mescole si avvalgono, inoltre, in fase produttiva, della
precisione di miscelazione assicurata dal CCM (Continuous Compound Mixing System), il sistema Pirelli di mixing più avanzato del settore e usato anche per gli impieghi sportivi.
 
Per lo sviluppo dell’evoluzione del P Zero, i tecnici Pirelli si sono giovati dell’esperienza
maturata nelle attività di Motorsport, avvalendosi di una modellistica virtuale
all’avanguardia, per raccogliere i dati e per valutare con simulazioni al computer le varie condizioni di impiego e di stress cui sono sottoposti gli pneumatici nelle più differenti condizioni di utilizzo.


comments powered by Disqus

Articoli più letti