Sostituzione pneumatici invernali: obbligo da rispettare entro il 15 maggio

di redazione

Sostituzione pneumatici invernali: obbligo da rispettare entro il 15 maggio


Con l'arrivo della primavera, oltre a pensare alle prossime vacanze, gli automobilisti italiani sono costretti a dedicare parte dell’attenzione alla propria vettura. In particolare, chi ha montato precedentemente gli pneumatici invernali dovrà provvedere alla loro verifica e sostituzione per far fronte alle mutate condizioni ambientali. Tale obbligo è scattato pochi giorni fa, il 15 aprile; il periodo di tolleranza consentito dalla legge è di un mese. Entro il 15 di maggio, pertanto, le vetture dovranno presentare gomme diverse da quelle invernali ove necessiti.

Chi non lo farà e avrà la sfortuna di essere fermato, si vedrà comminare una multa molto salata, che potrà arrivare a 1682 euro. La sanzione minima sarà comunque rilevante, risultando pari a 419 euro. Dal prossimo 15 novembre scatterà nuovamente l'obbligo di montare pneumatici invernali, oppure di avere a bordo le classiche catene da neve. Il caso rilevante in oggetto è quello dove si abbiano pneumatici invernali con codice di velocità inferiore a quello indicato sul libretto di circolazione dell’auto.


VENDITA ONLINE PNEUMATICI. Un’ottima soluzione per rispettare la normativa e risparmiare qualcosa è acquistare pneumatici online. Ormai, infatti, anche per gli italiani il web è diventato una vera e propria risorsa. Ma perché è vantaggioso acquistare gomme auto online? Di seguito i principali vantaggi:
- prodotto “fresco” che non ha subito lunghe giacenze in magazzino
- prezzi competitivi dovuti, principalmente, al rapporto diretto con i produttori, saltando ogni intermediazione
- offerte quotidiane sui prodotti “preferiti” dai consumatori
- consegna in 24/48 ore dall’ordine
- rete di gommisti convenzionati 
Ultima nota è il poter valutare la reputazione dello shop presso cui decidete di acquistare i vostri pneumatici online e scegliete chi, come Gomme-auto.it ha saputo costruire rapporti solidi e di fiducia con i propri acquirenti.
 
NON SOLO MULTE. L'allargamento del periodo di "tolleranza" è stato deciso dal Governo a inizio 2015; erano state tante, infatti, le proteste giunte dai gommisti, che si trovavano a dover far fronte, dall'anno in cui è stato introdotto l'obbligo (ossia il 2010), a moltissime richieste di sostituzione da parte degli automobilisti, con il rischio di non riuscire a soddisfarle. Oltre a delle multe salate, le norme prevedono il ritiro del libretto di circolazione, con la richiesta di procedere alla revisione della stessa vettura. Hanno avuto molto risalto sulla stampa le parole che Giovanni Dei Giudici, presidente regionale di Federconsumatori, ha voluto riservare a tale norma. Le lamentele, in particolare, sono rivolte al fatto che gli automobilisti, anno dopo anno, sono costretti a far fronte a costi sempre più proibitivi per poter mantenere il proprio veicolo, rendendo sempre meno conveniente un suo acquisto. I costi aggiuntivi che si stanno di anno in anno proponendo sono un "salasso" per le persone, che già si trovano con pochi soldi nelle tasche.



ALTERNATIVE CODACONS. Pur ritenendo corretta, da un punto di vista della sicurezza, la sostituzione degli pneumatici invernali, la soluzione agognata è quella dell'ideazione di nuove gomme che possano essere ideali per ogni periodo dell'anno e che renderebbero inutile avere due treni. Un risparmio che potrebbe indurre a spendere una cifra maggiore per la cura della stessa vettura. Il Codacons ha invece criticato il fatto che vengano adottate delle finestre temporali. In particolare, viene sostenuto che non è possibile stabilire a priori quando potranno essere utili o meno le gomme invernali nel corso di un anno. Se degli obblighi volti ad aumentare la sicurezza in particolari condizioni atmosferiche possono avere senso riferite a casi particolari (come accade, ad esempio, con l'obbligo delle catene in caso di precipitazioni nevose), le finestre temporali non sembrano tener conto della variabilità del tempo indipendentemente dalle stagioni di riferimento. Pur considerando le diverse considerazioni espresse dal Codacons e da Federconsumatori è ormai tardi, quest'anno, per trovare delle misure diverse. Ora è il momento, per gli automobilisti, di procedere alla verifica e in caso sostituzione degli pneumatici entro il 15 maggio.

comments powered by Disqus

Articoli precedenti su DueMotori.com

IRC 2015 Elba: buona la prima per Fontana

IRC 2015 Elba: buona la prima per Fontana
in Rally

Ferrari Challenge Monza 2015, Le gare: Babalus si ripete

Ferrari Challenge Monza 2015, Le gare: Babalus si ripete
in Formule e trofei minori