Dakar 2012 anche a batteria: il Team Latvia sulla OSCar eO

di Giorgio Mulliri

Dakar 2012 anche a batteria: il Team Latvia sulla OSCar eO


Le auto elettriche oramai stanno entrando nel quotidiano, o quasi, almeno con il loro crescente mercato (che per ora rimane comunque una nicchia), fatto di auto che hanno quale fonte di energia per la loro propulsione una batteria. Sono molte le case impegnate a offrirsi, attraverso dei prodotti con varie tipologie di funzionamento per quanto riguarda la motorizzazione (chi sia ibrida o meno).

In questo periodo si è fatta notare la "OSCar eO" che ha sviluppato un prototipo per i rally: in questa Dakar edizine 2012 è la prima ed unica vettura con funzionamento a batteria che ha deciso di cimentarsi nel rally più duro, per uomini e macchine.

Nessuna ambizione di vittoria da parte del team Latvia, ma una sfida che certo farà parlare, se arriverà al traguardo.

La velocità massima è di 140 km/h, mentre sono 800 i chilometri di autonomia. Gli spettatori del posto faranno di certo fatica a sentirla arrivare da lontano, col suo sibilio, rimanendo di certo delusi aspettandosi gran rombi nelle dune e derapate con il limitatore attivo in “on”, come fin ora abituati.

Il team Lettone Latvia è composto dal conduttore Maris Kaukans e dal coopilota Andris Dambis; è totalmente supportato dal governo lettone.

Queste le dichiarazione di presentazione del pilota lettone:  "Questa sarà la mia settima Dakar Rally. Gli anni precedenti sono stati pieni di sfide, difficoltà e avventure. Alcune esperienze non ho parole per descriverle, ma questa è una di quelle che rimarrà, il ricordo più bello. Per questa Dakar, abbiamo istituito una squadra lettone volta a portare una macchina elettrica. L'idea è stata  incarnata in OSCar EO. Il veicolo è mosso da un unico motore elettrico, che è stato dimensionato per le esigenze del terreno ed è capace di 800 Nm di coppia. Il range  giornaliero di 800 km è raggiunto grazie a fonti quali i 52 kWh del pacco agli ioni di litio a bordo ed un generatore elettrico da 60 kW di potenza nominale. Saremo in grado di guidare più veloce dei 150 km/h. La nostra esperienza passata delle condizioni impegnative alla Dakar ci ha aiutato a specificare i componenti elettrici che rappresentano le più avanzate tecnologie attualmente disponibili.
Tappe lunghe, sabbia, polvere, calore, acqua e incroci; sono solo alcuni dei problemi che abbiamo dovuto affrontare, la persistenza e la disciplina saranno vitali per il nostro successo. Siamo i pionieri delle tecnologie di propulsione elettrica a Dakar e penso che le energie alternative e le innovazioni tecniche focalizzate sul "pensiero verde", si inseriscano bene nel quadro più ampio dello spirito della Dakar. Il nostro obiettivo principale è quello di dimostrare che i veicoli elettrici sono in grado di eseguire un buon lavoro, come i loro ben conosciuti colleghi a combustione interna (i motore a scoppio, ndr). Raggiungere il traguardo è in grado di soddisfare le nostre ambizioni. La sfida non è facile, ma sappiamo che è fattibile".
  
Che dire, la strada è aperta, pardon la pista......
 
 
  

 
 
   
Fonte: dakar.com

 



comments powered by Disqus

Articoli più letti