COD: tecnologia Audi Cylinder On Demand

di Redazione Italia DueMotori.com

COD: tecnologia Audi  Cylinder On Demand

Audi dimostra la propria competenza motoristica con la diffusione della tecnologia 
cylinder on demand (COD), che riduce il consumo medio fino al 20%. Tre 
motorizzazioni a benzina sono già disponibili con questa innovativa tecnologia di 
disattivazione dei cilindri: 1.4 TFSI COD, il 4.0 TFSI COD e ora anche il W12 COD 
recentemente presentato sulla nuova Audi A8 L.
 
La tecnologia Audi COD è versatile e adatta all’utilizzo su motori a quattro cilindri tanto quanto su V8 TFSI sovralimentati e su 12 cilindri aspirati.

Su ciascun motore agisce disattivando la metà dei cilindri a bassi e medi carichi e bassi regimi di funzionamento,  per poi ripristinare il normale funzionamento non appena il conducente accelera con forza. Nei cilindri che rimangono attivi, l’efficienza complessiva viene incrementata spostando il funzionamento verso carichi più alti. 

L’attivazione e la disattivazione sono quasi impercettibili; negli otto cilindri i supporti 
motore attivi compensano la maggior parte delle vibrazioni e il sistema Audi Noise 
Cancellation (ANC) usa onde sonore in controfase per smorzare le frequenze più intrusive durante la fase di disattivazione. Queste soluzioni sono utilizzate singolarmente o in combinazione a seconda dei modelli. 
Nel 1.4 TFSI COD il sistema lavora sui cilindri due e tre; nel 4.0 TFSI sui cilindri due, tre, cinque e otto. I cilindri sono disattivati spegnando l’accensione e l’iniezione di carburante.  Le valvole vengono mantenute in posizione di chiusura attraverso lo spostamento trasversale, attuato elettromeccanicamente, dell’albero a camme. Prima che ciò avvenga, le camere di combustione vengo riempite di aria per ridurne la pressione interna.
 
Il W12 da 500 CV utilizza una speciale variante della tecnologia COD nella quale le valvole rimangono aperte. Il sistema spegne l’iniezione di carburante e l’accensione in tutti i cilindri della bancata di sinistra, portando il motore a lavorare a sei cilindri. Prima che la temperatura del convertitore catalitico raggiunga picchi troppo elevati, la bancata di sinistra viene riattivata e viene spenta quella di destra. Durante le fasi prolungate di disattivazione selettiva, la due bancate vengono attivate e disattivate alternativamente.


 
La tecnologia COD riduce in maniera sensibile il consumo di carburante. Per esempio, 
sulle RS 6 Avant e RS 7 Sportback il risparmio è pari a circa il 5% nel ciclo NEDC. 
Il 4.0 TFSI che su questi modelli eroga 560 CV, consuma in media solo 9,8 l/100 km. Il 1.4 TFSI con una potenza di 140 CV, sulla A3 si accontenta di 4,7 litri ogni 100 km. Nel ciclo NEDC, la disattivazione dei cilindri fa risparmiare 0,4 l/100 km. Con uno stile di guida moderato si può quindi arrivare a risparmiare fino al 20%.

comments powered by Disqus

Articoli precedenti su DueMotori.com

Grand'Eventi 2013: sul podio la coppia piacentina Fontanella-Covelli

Grand'Eventi 2013: sul podio la coppia piacentina Fontanella-Covelli
in Auto d'epoca e storiche

La nuova MINI

La nuova MINI
in Novità auto