Tesla Roadster: Un futuro elettrizzante

di Gianluca Zanelotto

Tesla Roadster: Un futuro elettrizzante


Milano, venerdì 11 febbraio.
E' nel centro di Milano, a due passi da Piazza San Babila, che Tesla Motors ha inaugurato oggi il suo primo showroom e concesso alla stampa la prova (breve) della sua innovativa Tesla Roadster, prima auto veramente sportiva a trazione elettrica. Ovvero sotto il cofano solo batterie, niente motore a combustione interna. E con una linea che più sportiva non si può, anzi quasi retrò. Quindi niente salti in avanti ma un design solido e tradizionale, che ricorda, in certe curve, alcune Ferrari del passato ma anche Lotus più attuali.

La storia di Tesla Motore
Tesla e’ stata fondata il 1 Luglio del 2003, e lo sviluppo del prodotto è iniziato nel 2004.

Il prototipo della Roadster e’ stato presentato al pubblico nel Luglio del 2006. Lo stesso anno, quel modello si ritrovò ad essere sulla copertina del “Time Magazine” , premiato come la “migliore invenzione del 2006”. Tesla produsse più di 2 dozzine di prototipi prima di iniziare la produzione seriale nel febbraio del 2008. L’azienda aprì il suo primo showroom a Los Angeles, California, nel Giugno del 2008. Oggi esistono 17 store in giro per il mondo e l’azienda vende direttamente ai propri clienti on-line.

Su Strada
La prova su strada ha avuto luogo nell'affollato centro di Milano e non mi ha consentito di saggiare dal vivo velocità massima e accelerazione ai règimi intermedi. Quindi una prova con grandi partenza da fermo e altrettante frenatone. Ma andiamo per ordine.
Prima di tutto già entrarci è un'esperienza. Infatti la Roadster è molto bassa e di difficile accesso, molto peggio che entrare in una Porsche 911 Carrera ad esempio, ma una volta a bordo il sedile anatomico e tutta l'auto in generale calza veramente come un guanto.
Giusto il tempo di arretrare un pelo il sedile e mi sono sentito subito a mio perfetto agio. La strumentazione è molto particolare, al posto del contagiri c'è il consumo istantaneo d'energia che diventa recupero della stessa in frenata, al centro della console è poi presente un secondo cruscottino con la capacità residua della batteria oltre ad alcuni dati ambientali, poco più in alto i comandi della climatizzazione sovrastati da un grosso schermo per navigatore e sistema HiFi.

Girata la chiave la prima sorpresa, ovvero non si sente nulla, il silenzio è assoluto. A questo punto si preme il tasto D, il cambio non esiste, il motore è a presa diretta, esistono solo avanti, indietro e parkink. Dando un pelo di gas la Testla Roadster si mette dolcemente in movimento, con una morbidezza riscontrabile solo nei vecchi cambi automatici idraulici. Affondando poi il gas la spinta diventa prepotente e continua, un attimo e sono allo stop, frenatona e via,..., in coda. Vabbè, ci facciamo qualche centinaio di metri a passo d'uomo e non posso non apprezzare la dolcezza con cui la gestione elettronica del motore elettrico permette una marcia morbida e senza strattoni.

Aspetto negativo che risalta, andando così piano, è la pesantezza dello sterzo, diretto e senza servo. Pesantezza che scompare appena si riesce a raggiungere una velocità almeno dignitosa, diciamo sopra i 30 km/h.
Ma è sempre lo sterzo diretto che si prende la sua rivincita quando ci divertiamo a stuzzicare la coda con abbondanti pedate di gas a mezza curva: nonostante l'intervento dell'ESP il controsterzo è immediato e preciso, il controllo del mezzo assoluto.

Ci portiamo poi su un viale poco traffico, mi fermo e attendo di avere perlomeno 100 metri davanti liberi, sgombri e in tutta sicurezza proviamo perlomeno lo 0-50km/h, il massimo permesso in questa caotica città.
Ecco, "caspita" (tenue eufemismo, l'affermazione più appropriata è maschia ma non ripetibile) che botta. L'effetto è quello del calcio nel di dietro da parte di King Kong, qualcosa di provato in precedenza solo su Porsche 911 Carrera S da 385 cv, solo che li una pausa impercettibile nei cambi marcia c'era, qui nulla, è una spinta continua.Insomma se la batte alla pari con un mostro sacro e non è poco, anzi.

Ecco, insomma, due viali, qualche sgasata, il divertimento è stato limitato dal tempo e dai luoghi. Però sotto la pelle si sente che di materiale buono ce n'è tanto e di qualità. Un mezzo che potrebbe veramente rivoluzionare il concetto di auto sportiva, perlomeno per chi ha la coscienza più ecologica ma non solo. Anche il rumore, pur minimo rispetto ad un 6V o 8V, quando il motore gira forte è presente e gasante. E' veramente da provare per credere.

I modelli disponibili

ROADSTER
La Tesla Roadster rimane l’unica vettura sportiva a zero emissioni in commercio. Ha una capacita’ d’accelerazione che le permette di passare da 0 a 97 km/h in 3.9 secondi con una velocità massima di 201 km/h e una coppia di 370 Nm. Il veicolo ha un’autonomia certificata a livello europeo di 340 km per carica. Ad ottobre del 2009, la Roadster ha stabilito un nuovo record mondiale, quando il cliente Simon Hackett ha percorso un intera tappa del “Global Green Challenge” (503 km)in Australia con una sola carica. La Roadster ha inoltre partecipato alla 24 ore di Le Mans, al “Alternative Energy Rally” di Montecarlo, “Zero Rally 2010”, “Zero Emission race” in Norvegia, e ha vinto svariati rally, tra cui l’ E-Silvretta e l’E-Miglia sulle Alpi; Nel settembre 2010, una Tesla Roadster sponsorizzata da Tag Heuer e’ stata la prima vettura elettrica GT a completare il giro del mondo.
La Roadster può essere caricata con le uscite di corrente convenzionali di tutto il mondo, incluse le prese da 120 e 240 volt americane, Europee ed Asiatiche.
Il prezzo di partenza della Roadster è di 84.000€-

ROADSTER SPORT
La Roadster Sport è un veicolo ad alte prestazioni basato sulla Roadster base. La Roadster Sport è più potente della Roadster e nasce con sospensioni personalizzate, pneumatici da corsa ed altre caratteristiche innovative.
La Roadster Sport accelera da 0 a 100 km/h in 3,7 sec, con una coppia di 400 Nm. Il pilota americano Scotty Pollacheck ha provato una Roadster Sport 2010 per 400m su un percorso asciutto in 12,64 secondi, stabilendo un nuovo record al “National Electric Drag Racing”. La Roadster Sport e’ stata acclamata da alcuni tra i piu’ esperti automobilisti al mondo, tra i quali l’editore ingegneristico Kim Reynolds di MotorTrend, che ha raggiunto i 100KM/h in 3.7 secondi e ha percorso 400 metri in 12.6 secondi, affermando che l’accelerazione della Roadster “toglie il fiato”.
Il prezzo di partenza della Roadster Sport e’ di 99.000€.

comments powered by Disqus

Articoli precedenti su DueMotori.com