WTCC Monza: la prima variante ha tenuto

di Omar Fumagalli

WTCC Monza: la prima variante ha tenuto


Il venerdì, primo giorno di prove dell’intenso weekend del WTCC ha Monza, ha subito visto messa in crisi la rinnovata prima variante del tracciato brianzolo, a causa anche dell'intenso caldo (finalmente) arrivato in Brianza.

La variante è stata recentemente modificata (foto2 - partenza Gara1 WTCC), per migliorare passaggi e soprattutto vie di fuga durante le competizioni motociclistiche. Sebbene CIV e Mondiale Superbike abbiano disputato le loro prove recentemente, senza problemi ed il percorso delle auto sia leggermente diverso, quello di questo fine settimana era il primo vero appuntamento con intenso traffico di vetture da competizione, sulla rinnovata e riasfaltata variante.

Oltre alle derivate di serie del WTCC, in pista si sono ritrovate anche le monoposto di F.2 e le molte iscritte ai trofei monomarca di Maserati e Seat.

La variante dotata del nuovo asfalto, in coincidenza anche di un primo intenso sole che ha portato le temperature a livelli mai toccati dopo la modifica, ha mostrato qualche problema che aveva inizialmente preoccupato gli organizzatori. Dopo la rottura in loco di Priaulx, nella sessione test del venerdì, si denotava una perdita di tenuta del manto stradale. I commissari monzesi sono subito intervenuti tamponando la situazione durante le qualifiche e per evitare rischi nelle gare (per la temperatura troppo alta ed i passaggi continuati) è stato deciso un parziale rifacimento dell'asfalto durante la notte, fra sabato e domenica.

Oggi, abbiamo assistito in variante a continue operazioni di verifica, stesura “filler” (il materiale che tende ad asciugare i liquidi presenti sull’asfalto) e conseguente rapido passaggio di mezzi da lavoro, che tra una gara e l’altra ripulivano il materiale depositato (foto1). Al termine della giornata possiamo dire che la prova, inattesa e non certo facile da gestire, durante un weekend di gare, è stata superata, con attività extra degli addetti ai lavori che hanno permesso il regolare svolgimento del programma previsto in pista.

 

Foto: www.MonzaSpeed.it

comments powered by Disqus